Seguici su

Cerca nel sito

Formia, Commissione Ambiente insediata in extremis

All'ordine del giorno in commissione, c'è stata l'audizione di Raphael Rossi, in qualità di amministratore unico della società "Formia Rifiuti Zero".

Formia – Rischiava di saltare una seconda volta, la Commissione Ambiente a Formia, presieduta da Antonio Capraro, che si è tenuta l’altro ieri. – Nella volta precedente, dopo il voto contrario di Capraro che, in consiglio comunale, aveva votato contro la delibera della maggioranza (Leggi qui), quest’ultima aveva dato forfait in Commissione-.

Con assenti, infatti, due componenti di “Forza Italia” e una componente della lista di maggioranza “Ripartiamo con voi” a mantenere il numero legale per insediare la Commissione è stato il consigliere di minoranza Claudio Marciano. 

All’ordine del giorno, l’audizione di Raphael Rossi, in qualità di amministratore unico della società “Formia Rifiuti Zero”, che ha relazionato sulla municipalizzata, definendola un’azienda solida che si prepara a chiudere in attivo il bilancio del 2018.

L’unica questione ancora aperta, resta il piano industriale. Bisognerà fare i conti, infatti, con il riconoscimento del benefit ambientale al Comune di Castelforte (più di 200mila euro) e con i nuovi servizi che devono essere ancora attivati. Costi aggiuntivi che potrebbero avere ricadute più o meno pesanti sulla Tari. Ma, al riguardo, nelle prossime sedute, si discuterà e si andrà alla ricerca di tutte le possibili soluzioni.

Intanto, al riguardo il consigliere Marciano sui suoi canali social scrive: “Ieri abbiamo finalmente insediato la commissione consiliare sulle politiche ambientali. Abbiamo ascoltato Raphael Rossi e ragionato sulle criticità del servizio di igiene urbana. Abbiamo anche formulato alcune proposte per il piano industriale 2019 e definito una serie di argomenti per le prossime sedute.

La maggioranza per la seconda volta non ha avuto i numeri per avviare la commissione. Poco male, il numero legale lo abbiamo tenuto noi. Non ci interessa un’opposizione strumentale né reggere il gioco a chi compie assenze strategiche. Speriamo– conclude il post- di poter essere coinvolti nelle decisioni perché abbiamo molte proposte e nessuna pregiudiziale.”

(Il Faro on line)