Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Infernetto, bus impossibile al mattino verso Roma

Valanga di proteste per il pessimo servizio dello 709 Atac dopo la soppressione della partenza delle 5,30. Oltre 150 passeggeri sul bus e molti appiedati sulla partenza delle 6,20

Infernetto – Rabbia a proteste degli utenti della linea bus 709 dopo che, con l’inizio delle scuole, è stata soppressa la partenza delle ore 5,30 dal capolinea Cristoforo Colombo. Arrivato all’Infernetto l’unico bus di quell’ora, quello che parte alle 6,20, trabocca di passeggeri e molti restano appiedati.

Monta la rivolta tra i pendolari costretti a usare l’autobus per raggiungere la zona dell’Eur dal litorale romano. “L’Atac senza consultarsi con gli operatori e con i pendolari – racconta Stefania che capeggia la protesta su facebook –  ha eliminato la partenza delle ore 5,30 dalla stazione di Cristoforo Colombo. La conseguenza è che sulla corsa successiva, quella delle 6,20, all’Infernetto è già impossibile salire: 150 persone viaggiano stipate in un solo autobus e molti sono costretti ogni giorno a rinunciarvi”.

Il 790 raccoglie i pendolari che provengono da Torvaianica e parcheggiano a Colombo ma anche tanti passeggeri dell’Infernetto e qualche turista che si sposta dal campeggio di Malafede verso Roma. Inutile dire che le fermate successive all’Infernetto vengono saltate inevitabilmente per l’impossibilità fisica di salire sul mezzo.

La cosa è diventata insostenibile – prosegue Stefania –  Io personalmente ho inoltrato una serie di segnalazioni all’Ufficio reclami dell’Atac ma la risposta è sempre la stessa ovvero ‘Stiamo valutando’”.

Ho fatto diversi reclami tempo fa ma non mi hanno mai risposto” rincara la dose Sabrina. Sono gli stessi pendolari a proporre una soluzione percorribile.Visto che la sera con l’ultima corsa delle 23,00 i bus viaggiano quasi vuoti o comunque per pochi passeggeri – indicano – perché non anticipare il termine del servizio e anticipare quello del mattino?”.