Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Olimpiadi, il bronzo di Ruggiero e il karate ai Giochi Giovanili, la felicità di Davide Benetello : “Non lo nascondo, ho pianto per l’emozione!” foto

Dichiara di essere stato molto emozionato, il nuovo membro del Coni e del Cio. Una Olimpiade di grande successo per il karate. Il sogno donato ai ragazzi. E un altro sogno da realizzare. Tra poco, Tokyo 2020

Il Faro on line – Probabilmente più felice di Rosario, Davide. E’ stato lui a portare il karate alle Olimpiadi. Come membro della Commissione Tokyo 2020, della World Karate Federation, Benetello ha vinto la sua medaglia. L’aveva già fatto, forse. Già nel 2016, quando il karate entrò nella lista olimpica.

E i primi Giochi per lui, come per Rosario Ruggiero, sono stati quelli per Buenos Aires 2018. Sono stati i giovani di tutto il mondo ad inaugurare la presenza della disciplina orientale alle Olimpiadi. E per l’Italia, è stato Rosario a partecipare. Unico karateka tricolore. E probabilmente grazie ad un lungo cammino. E non solo il suo specifico e agonistico, anche per merito di un grande lavoro. Un progetto a lunga scadenza che Davide Benetello, insieme alla Wkf, ha portato avanti.

Ecco allora che ha rivissuto tutto il suo cammino, Davide. Lo ha fatto e lo ha dichiarato. Lo ha messo per iscritto. Su Facebook. E’ stato uno di quelli che ha premiato gli atleti sul podio. I suoi atleti. Il suo podio. costruito. Con tanta fatica e impegno. Come una gara sul tatami. Insieme al suo collega del Cio, Davide ha consegnato la mascotte della manifestazione ai ragazzi del kumite dei – 68 chilogrammi. E c’era anche Rosario. C’era anche l’Italia, là sopra. Per merito del campione olimpionico tricolore e dell’ex campione mondiale dei pesi massimi delle Fiamme Gialle : “Mi ha fatto rivivere tutto il mio passato sportivo e non – ha scritto Benetello, sulla pagina ufficiale personale di Facebook – tutti i sacrifici, tutte le sconfitte e tutte le vittorie, tutti i sorrisi e le tutte le delusioni”.

Un flash tutta la storia vissuta. E non solo quella degli ultimi due anni. Anche quella di una carriera storica nel karate e di un cammino dirigenziale nel karate mondiale, altrettanto di successo. Un figlio suo allora, tutto questo. E il mondo del karate lo ha ringraziato e applaudito : “Ho pianto per l’emozione. Il karate olimpico. La prima, storico e grandissima medaglia italiana di Rosario Ruggiero”. Lo sottolinea Benetello.

Ha festeggiato con il giovane atleta, il Presidente della Commissione Atleti Wkf. Un grandissimo successo di tutta la Federazione Internazionale. Tra due settimane, ecco un altro impegno importante in calendario. Ci saranno i Mondiali a Madrid. Quelli del karate senior : “L’unica competizione, prima delle Olimpiadi di Tokyo 2020”.

Eh già. Un’ altra Olimpiade da vivere. E allora Forza Italia. Benetello è già pronto.

Di seguito il post da Benetello, pubblicato sulla sua pagina ufficiale Facebook : 

“Permettetemi di dirvi che oggi ho PIANTOO dal l’emozione !

Il Karate Olimpico, la prima, storica e grandissima Medaglia Italiana di Rosario Ruggero assieme al suo coach Cristian Verrecchia e Cinzia Colaiacomo arrivata dall’Italia per supportare il suo Atleta neo Gruppo Sportivo Polizia, proveniente dalla Palestra del Maestro Califano, la possibilità di premiarlo in una CERIMONIA OLIMPICA UFFICIALE mi ha fatto rivivere tutto il mio passato sportivo e non, tutti i sacrifici, tutte le sconfitte e tutte le vittorie, tutti i sorrisi e le tutte le delusioni.
Tutto ha portato a oggi !

E ne vado immensamente fiero !

Un grandissimo successo per la WKF, FIJLKAM e tutto il Karate !”.

Foto : Facebook Davide Benetello (pagina ufficiale)