Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Aggressione a Passo della Sentinella, gli abitanti in assemblea: “Necessario uscire dall’isolamento”

"Fiumara Grande vuole ripartire e aprirsi alla comunità per uscire dallla ghettizzazione socio-culturale in cui è stato lasciato in tutti questi anni".

Fiumicino – “Ieri si è svolta a Passo della Sentinella un’ assemblea spontanea di abitanti, preoccupati per i gravi fatti accaduti in zona negli ultimi tempi. E’ emerso parere unanime sul fatto che sia necessario uscire dall’isolamento sociale e culturale in cui questo borgo storico è sempre stato relegato. Per farlo si è pensato necessario attivarsi e stringersi attorno ad obiettivi comuni” – lo comunicano in una nota gli abitanti di Passo della Sentinella.

“L’assemblea ha quindi ha deliberato i seguenti punti:

1.La creazione di un gruppo di autoaiuto basato sulla volontarietà, creando una “banca ore” in cui ognuno a seconda della sua disponibilità possa dare un contributo alle attività che si decideranno in base alle esigenze del territorio soprattutto mirato alla prevenzione del degrado ambientale:

  • Campagne di pulizia e mantenimento periodici degli spazi pubblici
  • organizzazione eventi culturali legati al territorio
  • controllo reciproco consapevole della zona, attraverso segnalazioni tempestive e mirate alle forze dell’ordine di situazioni di pericolo o di emergenza.

2. La presa di distanza da fuorvianti classificazioni politiche/partitiche evitando polemiche sterili che in passato hanno avvelenato il clima e i rapporti con le istituzioni che andranno tenuti esclusivamente per la proposta e l’eventuale collaborazione su obiettivi specifici. Pur mantenendo la consapevolezza che sino a questo momento non ci sono stati segnali particolarmente rassicuranti da parte delle tante amministrazioni che si sono succedute al governo della città nei confronti degli abitanti del borgo di Fiumara Grande, si auspica per il futuro una più costruttiva collaborazione basata sul dialogo e su precisi obbiettivi che riguardino la collettività.

3. Privilegiare il percorso dei “piccoli passi” con la consapevolezza di voler mantenere e valorizzare tutte le caratteristiche storiche, paesaggistiche e culturali di un angolo poco conosciuto della nostra città; soprattutto per le potenzialità che può e deve esprimere in ambito culturale, turistico e naturalistico.

4. Volontà di collaborazione con le associazioni di volontariato, culturali, sociali, sportive, proloco del territorio per creare sinergie positive e creare spazi di socializzazione sempre più aperti a tutte le fasce di età. Privilegiando I giovani, gli anziani e tutte le categorie svantaggiate.

“La nostra comunità si stringe compatta intorno al suo concittadino Yuri, che ha dovuto subire questa vile aggressione per aver cercato di difendere il decoro di tutta la nostra città. Auspichiamo che I responsabili siano assicurati al più presto alla giustizia per subire la punizione che meritano.

Assicuriamo inoltre che questo episodio non ci impaurisce affatto. Semmai servirà da stimolo per fare di più e meglio contro questi veri e propri reati contro l’intera cittadinanza Fiumicinese.

Su queste poche, ma a nostro avviso, qualificanti basi il Borgo di Fiumara Grande vuole ripartire e aprirsi alla comunità per uscire dallla ghettizzazione socio-culturale in cui è stato lasciato in tutti questi anni”.