Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Roma – Cska Mosca conferenza stampa e un po’ di storia

Oggi alle 15.00 a Trigoria si è svolta la consueta conferenza stampa della vigilia del match di UCL Roma- Cska Mosca in programma domani alle ore 21.00 allo Stadio Olimpico. In sala stampa il Mister Eusebio Di Francesco e el Comandante Federico Fazio.

La sintesi del Mister: ” … la gente vuole vedere gli atteggiamenti giusti e noi glieli dobbiamo dare …” e quella di Fazio: ” … noi esperti dobbiamo dare l’esempio …” (https://twitter.com/OfficialASRoma/status/1054359243661303808)

FAZIO-DIFRA

Roma – Cska Mosca un po’ di storia, un po’ di numeri.

Più giustamente, dovremmo scrivere PFK Cska Mosca, dove la sigla sta per Football Club Professional del Cska, ex club dell’Armata Rossa. Prima del 1991 era alle dirette dipendenze del ministero della difesa Sovietico poi entrarono capitali privati e la quota societaria dell’Esercito, pur presente è fortemente minoritaria. La stessa sorte a quasi tutte le squadre del campionato Russo dal 1991 in poi.

Per curiosità, possiamo dire che la Dinamo Mosca, la squadra del mitico Lev Jascin unico portiere ad aver vinto il pallone d’oro e, forse non molti sanno, che è stato anche un portiere di Hokey su ghiaccio. La Dinamo ha origini dal ministero degli interni, la Lokomotiv da quello delle ferrovie (molto potente nel passato visto le enormi distanze esistenti), lo Spartak ha basi nel ministero degli esteri, la Torpedo nella famosa fabbrica automobilistica, ricordate la canzone di Giorgio Gaber? “Vengo a prenderti stasera sulla mia Torpedo Blu”, poi lo Zenit la famosa ottica. Insomma, creare squadre con già una forte base di sostenitori.

Curiosità, il Cska fu l’ultima squadra a vincere il campionato Sovietico, lo fece altre 6 volte mentre sono anche 6 le vittorie nel campionato Russo, l’ultima volta fu nel 2015-16.

Ricordate Doumbia? Ebbene, da queste parti, è stato un fenomeno nelle realizzazioni ben 95 in 150 gare.

Il loro allenatore è un Bielorusso (Russia Bianca) che si chiama Hancarenka mentre il loro capitano è il portiere Igor Akinfeev, estremo difensore anche della nazionale Russa e giocatore con più presenze nel club che sarà assente per squalifica.

Già 4 i precedenti con i Russi. La prima volta nella coppa delle Coppe 1991/92, nostra vittoria a Mosca per 2 a 1 grazie a un’autorete e un gol di Rizzitelli. Al ritorno vittoria Russa per 1 a 0 ma nostra qualificazione grazie ai gol in trasferta.

Altra occasione nella CL edizione 2014/15, vittoria sul Tevere per 5 a 1 grazie ancora a un’autorete ma anche doppio Gervinho, Iturbe e Maicon. Al ritorno fu pareggio con gol di Totti che divenne, in quel 43° minuto del 25 novembre 2014 il giocatore meno giovane a segnare in questa competizione, poi un loro gol in pieno recupero pregiudicò la nostra qualificazione alla fase a eliminazione diretta.

Come sappiamo, i Russi hanno battuto il Real Madrid e quindi sono da prendere in seria considerazione, come tutte le squadre che partecipano a questa competizione, la nostra compresa, e intanto si portano a supporto un po’ del loro freddo così si sentiranno meno soli ma noi saremo in tanti. (rif.:  www.utronlus.com by Roberto Cerrone)