Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Aborto, in Campidoglio due “contro-mozioni” a tutela della 194

Verso l'astensione il M5S: "Abbiamo già votato per garantirla"

Più informazioni su

Roma –  In Assemblea Capitolina a breve si discuteranno anche altre due mozioni sul tema aborto, in diretta contrapposizione con quanto previsto dalla mozione sul modello Verona presentata da Fratelli d’Italia.

La prima ad essere affrontata sarà quella di Stefano Fassina che prevede un “impegno per la sindaca a manifestare la posizione dell’Assemblea Capitolina in difesa degli inalienabili diritti di autodeterminazione delle donne garantite dalla legge 194/1978, a tutela della salute e del riconoscimento di una maternità consapevole”.

A seguire ci sarà quella presentata da esponenti del Partito Democratico, sull’ “impegno per la Sindaca e la Giunta a sostenere le iniziative volte alla difesa e alla tutela della normativa della Legge 194 del 22 maggio 1978”.

In particolare, Fassina chiede alla sindaca Virginia Raggi di “assumere pubblicamente una posizione in difesa degli inalienabili diritti di autodeterminazione e riconoscimento per le donne contro ogni scelta oscurantista” e ad “assumere una posizione pubblica a sostegno dei diritti e della libertà delle donne garantite dalla legge 194 che ha ridotto in maniera significativa il numero delle interruzioni di gravidanza e salvato migliaia di donne”.

Se la maggioranza a 5 Stelle ha già deciso di votare no alla mozione presentata da FdI, potrebbe invece astenersi per queste altre due ‘contro-mozioni’. Dal Movimento in Campidoglio ricordano, infatti, di aver già presentato e approvato nel febbraio del 2017 una mozione sul tema della 194 che impegnava la sindaca tra le altre cose a “garantire la piena applicazione della legge 194”.

(Il Faro online)

Più informazioni su