Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Volley, è morta Sara Anzanello, campionessa mondiale in Germania nel 2002

Una grave forma di epatite l’ha strappata dall’affetto dei suoi cari e dal mondo della pallavolo, che lei nonostante la malattia, non aveva mai lasciato. Fu campionessa iridata con la Nazionale femminile

Più informazioni su

Il Faro on line – Una notizia triste adombra gli echi dell’entusiasmo dell’argento mondiale del volley femminile. E’ stata da poco diffusa la nota della scomparsa di una giocatrice di pallavolo.

Sara Anzanello giocava in Serie B e la medaglia d’oro iridata l’aveva vinta nel 2002 in Germania. A 38 anni, se n’è andata con una grande passione per la pallavolo e amore per la vita. Aveva contratto una grave forma di epatite in Azerbaigian, dove nel 2013 giocava.

Fu ricoverata d’urgenza a Milano, dove aveva subìto un trapianto di fegato. Aveva lottato per anni contro questa malattia, affrontando coraggiosamente la riabilitazione. E’ rimasta accanto alle ragazze della Nazionale di pallavolo, che domenica hanno messo al collo, quella medaglia mondiale che per lei, era stata d’oro. Le ha incoraggiate dal suo letto d’ospedale e si era congratulata con esse, quando sono salite sul secondo gradino del podio.

Tornò in campo nel 2015, con la maglia dell’Igor Volley. Ha vinto tutto in carriera. Non solo il titolo mondiale, ma anche due Coppe del Mondo. Due argenti e due bronzi al World Gran Prix e un secondo posto agli Europei. Vinse due Coppe Cev con l’Asystel Volley e una Top Teams Cup. Una lunga carriera la sua sotto rete. Ma non solo. Fu di supporto come team manager per il Club Italia, impegnato in Serie A2.

 

 

 

Più informazioni su