Seguici su

Cerca nel sito

Lazio, in Francia suona ‘la Marsigliese’. Tre gol in casa dell’Olympique de Marseille e qualificazione vicina

Continua anche in Europa League la crescita dei bianco celesti. Bella vittoria in vista della sfida in campionato in casa contro l'Inter di lunedì prossimo

Calcio – La Lazio continua la sua corsa anche in Europa League, stracciando l’Olympique de Marseille in casa con un netto 1 a 3.  Gli uomini di Inzaghi, sembrano aver ritrovato gli equilibri dello scorso anno e aggiungeremmo anche, come già enunciato nei nostri precedenti articoli, con evidenti segnali di maturità calcistica che denotano la crescita di una squadra che vuole diventare sempre più grande.

Ad aprire le marcature, è stato il giocatore spesso più discusso ma, evidentemente, degno delle considerazioni del suo allenatore. Parliamo di Wallace, che su un calcio d’angolo per la lazio al 10° del primo tempo, battuto magistralmente da Lucas Leiva, svettava in area più in alto di tutti e insaccava la palla in rete.

La Lazio nel primo tempo andava più volte vicino alla seconda rete, con Caceres al 18° su un traversone dove arrivava in scivolata colpendo la palla con poca forza e con Immobile che, al 21° stampava la palla sul palo.

L’Olympique de Marseille si fa pericolosa nei presi della porta della Lazio nel secondo tempo, al 53°, quando Sanson perde una buona occasione per segnare. E la Lazio continua a macinare gioco e possesso di palla, così che dopo pochi minuti dall’occasione fallita dai Francesi, parte in contropiede e Immobile, che ancora una volta si conferma anche rifinitore, ‘imbuca’ una traiettoria in verticale per  Caicedo il quale trafigge il portiere in uscita, mettendo la palla in rete all’angolino basso alla destra dell’estremo difensore dell’Olimpique de Marsille. E sono due a zero per la Lazio.

Poi, all’86°, una punizione fuori area, permette a Payet di avere sui piedi la palla per accorciare le distanze. Infatti, dai suoi piedi parte un tiro molto tagliato che si insacca a fil di palo alla destra di Strakosha che nulla avrebbe potuto fare sul gran tiro del giocatore Marsigliese.

Ora, l’Olympique de Marseille prova a recuperare la partita ma, la Lazio non si fa sorprendere, si copre bene e riparte e con il nuovo entrato Marusic, sigla il terzo gol e chiude la partita. Un ‘Euro Gol‘, quello del centrocampista della Lazio che, servito sulla destra, entra in area nel vertice destro di attacco, disorienta il suo avversario con una serie di finte e lascia partire un sinistro micidiale indirizzato  all‘incrocio dei pali della porta difesa da Mandanda, il quale può solo osservare il pallone, irraggiungibile per lui, entrare in rete. E sono tre.

La partita a questo punto è chiusa e la Lazio torna a Roma con un bagaglio di convinzioni in più e la consapevolezza di essere tornata quella dello scorso anno…con dodici mesi di esperienza in più in campionato e in Euriopa League. Ora, testa all’Inter. Lunedì prossimo nella Capitale, allo stadio Olimpico, la Lazio dovrà giocare per i tre punti, che avranno un valore alto non solo per la classifica ma, anche quale rivincita, seppur magra consolazione, per la partita di maggio scorso persa con i nero azzurri e che non permise ai Capitolini di accedere alla Champions League.

Una partita, quest’ultima, che darà indicazioni contro gli interisti per la sfida con loro alla qualificazione per il prossimo anno in Champions League.

 

Bandiera Olimpique de marsilleMARSIGLIA (4-2-3-1): Mandanda 5,5; Sakai 5,5, Rami 5,5, Kamara 4,5, Amavi 5 (81° Sarr s.v.); Luiz Gustavo 6, Strootman 6; Ocampos 5,5, Payet 6,5, Sanson 5,5 (66° N’Jie s.v.); Mitroglu 5 (66° Germain 5,5).

A disposizione: Pelè, Caleta-Car, Sarr, Lopez, Radonjic, Germain, N’Jie.

Allenatore: Rudi Garcia.

SS LAZIOLAZIO (3-5-2): Strakosha 6; Wallace 7, Acerbi 6,5, Radu 6,5; Caceres 6,5, Milinkovic-Savic 6,5, Leiva 6 (47° Marusic 6,5), Parolo 6, Lulic 6 (62° Berisha 6); Caicedo 7,5 (74° Cataldi 6), Immobile 7.

A disposizione: Proto, Bastos, Luiz Felipe, Marusic, Berisha, Cataldi, Rossi.

Allenatore: Simone Inzaghi.

ARBITRO: Jesús Gil Manzano (Spagna)

NOTE: Ammoniti Radu, Sanson, Sakai, Strootman, Payet, Parolo