Seguici su

Cerca nel sito

Zannola, Piccolo e Di Matteo: “Attivare un nuovo bus da Acilia all’aeroporto di Fiumicino”

Gli esponenti del Partito Democratico: "Faremo di tutto affinché il servizio vada a reale vantaggio dei tantissimi pendolari dell'entroterra che ogni giorno devono recarsi in aeroporto"

Roma – “Lo scorso gennaio, l’assemblea capitolina ha bocciato la proposta del Pd in merito all’attivazione di un bus Atac dalla stazione di Acilia all’aeroporto di Fiumicino. Negli ultimi giorni, la Commissione capitolina Mobilità ha discusso proprio dell’introduzione di una nuova linea diretta al ‘Leonardo Da Vinci’, ma dobbiamo constatare che le indicazioni giunte a riguardo dal X Municipio risultano discutibili e senz’altro lontane dalle reali esigenze dell’utenza: il tragitto, sostanzialmente, ricalcherebbe quello del Cotral, con partenza da Lido Centro”.

Lo dichiarano in una nota Giovanni Zannola, Ilaria Piccolo (consiglieri Pd Assemblea capitolina), e Leonardo Di Matteo (Coord. Mobilità Pd X Municipio), che in una nota aggiungono: “Il ‘doppione’ proposto dal Municipio non tiene conto dei residenti dell’entroterra, privi di collegamenti diretti e impossibilitati a raggiungere l’aeroporto se non con l’auto privata. In alternativa, i cittadini più determinati arrivano a Ostia e lì aspettano il Cotral che li porterà, stipati come sardine, finalmente a destinazione”.

“Alcuni mesi fa – precisano -, abbiamo avviato una petizione per chiedere l’istituzione di una navetta-bus che parta dalla stazione di Acilia e percorra viale dei Romagnoli passando nei quadranti di San Francesco, Dragona, Dragoncello e Ostia Antica. Quella iniziativa, purtroppo, è stata colpevolmente ignorata dalla Giunta capitolina”.

“Siamo contenti che si torni a discutere dell’argomento, ma faremo di tutto affinché il servizio vada a reale vantaggio dei tantissimi pendolari dell’entroterra che ogni giorno devono recarsi in aeroporto. Riprenderemo la raccolta firme portando avanti questa battaglia di civiltà, per la qualità della vita e l’equo trattamento per tutti cittadini romani“, concludono gli esponenti del Pd.

(Il Faro online)