Seguici su

Cerca nel sito

“Potere alle Storie”, a Latina il festival dell cambiamento e della rivoluzione

Dal 9 all'11 novembre al Museo Cambellotti appuntamento con la cultura e le diverse forme di narrazione

Latina – “Potere alle Storie” è l’evento speciale dedicato alla cultura e alle diverse forme di narrazione, organizzato dall’associazione di innovazione culturale Magma in programma il 10 e l’11 Novembre a Latina presso il Museo Cambellotti.

Il tema individuato per questa seconda edizione 2018 è affascinante nella sua complessità: possibilità, cambiamento, rivoluzione.

Per tre giorni, dal 9 all’11 novembre, seguiranno eventi, workshop, festival culturali incentrati sull’ascolto, l’approfondimento e la riscoperta delle possibilità, dei cambiamenti e delle rivoluzioni che abbiamo vissuto, stiamo vivendo e vivremo in un periodo di grande incertezza e crisi come quello attuale.

Saranno protagonisti scrittori, giornalisti, registi, videomaker, fotografi, blogger, disegnatori, artisti, musicisti, personaggi pubblici e operatori culturali del panorama nazionale che dialogheranno con il pubblico, alternandosi in una serie di eventi presso il Museo Duilio Cambellotti, nella splendida cornice del centro di Latina.

Illustri gli ospiti che presenzieranno alla tre giorni: la cantautrice Mèsa, il politico e saggista Umberto Coppi, l’assessore alle Politiche Culturali, Sport e Turismo del Comune di Latina Silvio Di Francia, il direttore di Radio 3 Marino Sinibaldi, gli scrittori Carlo D’Amicis e Antonio Pennacchi, il caporedattore di Movieplayer Antonio Cuomo, lo sceneggiatore Marco Sani, l’inviato speciale e giornalista Carlo Bonini e il politico Pippo Civati.

PAS2018-Programma-A3-3112018-2_1 PAS2018-Programma-A3-3112018-2

Il festival è organizzato in quattro parti: Talk dove approfondimenti e presentazioni saranno fatte direttamente dagli autori e dai protagonisti; Night, gli eventi serali di venerdì e sabato; Kids con le attività che la mattina sono dedicate al mondo dei bambini e Lab, due mattine dedicate all’esperienza unica di poter fare una sessione di Parkour/Art du deplacement, un modo diverso di vivere la città.

“Una seconda edizione speciale – commenta Paolo Valente, curatore del Festival – abbiamo posto al centro dell’attenzione storie e personaggi che attraverso il loro racconto dimostreranno che pur vivendo in un tempo sospeso tra grandi incertezze e grandi cambiamenti, c’è la possibilità di poter ‘fare’ e ‘pensare’ cose di alto valore politico, culturale sociale ed economico, senza rinunciare alla complessità della realtà. Il festival per tre giorni restituirà questa che per noi è un attitudine, un punto di vista che abbiamo condiviso con tantissime associazione che hanno collaborato alla realizzazione del festival e che offriamo a un pubblico più ampio”.

“Qualsiasi cambiamento, piccolo o grande che sia, non è solo un’impresa solitaria – afferma Luciana Mattei, di Magma – Le storie di rivoluzione sono storie dal basso, storie in rete, storie di unione, ma anche storie di innovazione, perché si (r)esiste con mezzi nuovi e guardando a nuovi orizzonti”.

“Racconteremo il mondo attraverso questi movimenti sociali e culturali, i suoi narratori e i suoi protagonisti. La spinta al cambiamento permea la quotidianità, la vita comune, il modo di fare cinema, tv, letteratura, arte”, prosegue.

“Si guarderà alle possibilità legate ai nostri tempi, diverse da quelle del passato e sicuramente da quelle che ci saranno in futuro. In questa edizione parleremo di possibilità, cambiamenti e rivoluzioni: racconteremo storie avvalendoci di sguardi diversi, adeguati alla complessità dei tempi, in un momento storico in cui spesso sono letture semplicistiche ad avere la meglio”, conclude Mattei.

Il festival è ideato e organizzato da Magma, con il patrocinio della Presidenza del Consiglio della Regione Lazio, del Comune di Latina, in collaborazione con: La Feltrinelli di Latina, Movieplayer.it, portale di cinema e serie tv, Tunué, casa editrice, multisala Oxer, con la speciale collaborazione con il Festival Italiano di Letteratura a Londra e dell’Istituto di Cultura Italiano a Londra, ed è stato realizzato con il contributo di una rete di numerose associazioni culturali rientrando nel programma degli eventi di Latina 2032.

(Il Faro Online)