Seguici su

Cerca nel sito

Ardea, tutti insieme sulle spiagge per dire stop alla plastica

Organizzazioni di volontariato e singoli cittadini hanno partecipato ad un'azione di pulizia dell'arenile

Ardea – Si è tenuta domenica 2 dicembre, un’azione congiunta di volontariato tra le organizzazioni ambientaliste, “RivaluTiAmo Marina di Ardea – Save The SeaLe Creature del MareCare The Oceans, al fine di salvare la natura, le spiagge, il mare, la flora e la fauna marina.

I volontari si sono ritrovati sulle spiagge del litorale Ardeatino davanti un paesaggio ambientale prezioso che la terra dei rutuli può vantare, il suo mare. Ma, il grido silente e soffocato dall’enorme quantità di rifiuti, in particolare di materiali plastici,  che emerge dalle spiagge e da tale paesaggio, è quello di aiuto.

2I nostri mari, purtroppo, sono diventati una pattumiera!!!

“Con il maltempo delle settimane passate – dichiara Michele Di Stefano Presidente dell’Associazione Rivalutiamo Marina di Ardea -, il mare ci ha restituito una parte dell’immensa quantità di plastica con la quale l’uomo lo sta avvelenando ogni giorno sempre di più a danno della natura, flora e fauna marina. Oggi una splendida giornata di sole insieme alle Organizzazioni di Volontariato ambientaliste e ad alcune persone sensibili all’ambiente in cui viviamo, le quali si sono aggiunte al gruppo partecipando attivamente, per raccogliere circa due quintali di rifiuti. Circa una ventina di sacchi trasparenti, suddivisi in varie tipologie di rifiuti nel pieno rispetto per la differenziata tra plastica, vetro, lattine, reti e quant’altro”.

3“Se non prendiamo decisioni drastiche e urgenti – continua Di Stefano -, fra meno di quarant’anni il mare sarà diventato un grande continente di plastica, la fauna marina scomparirà e l’uomo verrà risucchiato dalla natura stessa che ha distrutto, dall’inizio della commercializzazione incontrollata della plastica. In questi ultimi tempi stiamo già assistendo alla natura che si sta rivoltando contro l’uomo che l’ha ormai distrutta”.

Le Associazioni di Volontariato hanno anche diffuso una locandina che permette a tutti di comprendere come comportarsi per consumare meno plastica (clicca qui).

“Dobbiamo prendere subito urgenti provvedimenti – conclude Di Stefano – riguardo il folle consumo della plastica buttata sulla spiaggia e sulle dune senza alcun rispetto per il mare che è la nostra vera unica risorsa vitale, forse facciamo ancora in tempo per salvarci”.

Un elogio ed un ringraziamento per le loro attività di volontariato, è dovuto alle Organizzazioni ambientaliste e a tutte le persone che si sono aggregate per prendere parte a questa iniziativa.

(Il Faro on line)