Seguici su

Cerca nel sito

Fiumicino, il centrodestra si ricompatta sul Bilancio

Entrate aleatorie, meno sociale, niente investimenti, soldi per immigrazione e famiglie non tradizionali: pronta una raffica di emendamenti.

Fiumicino – “La discussione sul Bilancio ricompatta il centrodestra”. A comunicarlo sono Mauro Gonnelli, responsabile regionale della Lega e Alessandro Battilocchio, coordinatore provinciale di Forza Italia.

Ieri sera, infatti, si sono incontrati i consiglieri comunali Mario Baccini, Roberto Severini, Federica Poggio, Vincenzo D’Intino, Stefano Costa e Alessio Coronas per discutere della manovra di Bilancio presentata dall’Amministrazione Montino.

Dall’analisi della manovra – è scritto nel comunicato – tutti i consiglieri comunali presenti hanno convenuto che vengono meno gli elementi caratterizzanti di Fiumicino, scompare l’attenzione al sociale e il sostegno alle famiglie tradizionali, vengono ignorati i centri di aggregazione e passa in secondo piano una sana riqualificazione del territorio.

Anche sul fronte del nord del Comune c’è una disattenzione totale. Così come i proventi dei rifiuti non vengono reinvestiti per abbassare il livello di tassazione dei cittadini. Un quadro che testimonia come questa manovra sia del tutto insufficiente a favorire lo sviluppo della città.

Mauro Gonnelli

Mauro Gonnelli

Dall’esame delle voci di Bilancio – prosegue la nota – emerge che la maggior parte delle entrate è collegata all’accertamento di proventi derivanti da repressione illeciti e recupero evasione; nel conseguimento dell’equilibrio di Bilancio, dunque, si fa affidamento su entrate la cui effettiva riscossione è di natura incerta. Un’anomalia riscontrata nel passato, che però in passato ha già dato prova di inaffidabilità, viste le variazioni di Bilancio sostenute proprio per mancati introiti.

Nell’esame delle singole voci non troviamo alcun finanziamento negli interventi per la disabilità (missione 1202, programma 02) così come nessun soldo è previsto negli interventi per le famiglie (missione 1205 programma 05). Invece nella programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali (missione 2207 programma 07) troviamo più di 7 milioni di euro; è evidente il sottinteso affidamento totale ad enti esterni all’Amministrazione, ed è da capire con quali criteri di equità e professionalità è stata fatta tale scelta”. Nessun finanziamento anche per la missione 1401 programma 01, cioè industria, piccola e media impresa, artigianato.

Una cosa che emerge chiara da questa manovra – proseguono Gonnelli e Battilocchio – è la determinazione a creare nuove società municipalizzate al fine di moltiplicare il numero di ‘poltrone’ appesantendo ancora la spesa pubblica.

Alessandro Battilocchio

Alessandro Battilocchio

Sul piano degli investimenti, sono totalmente assenti la realizzazione delle piazze e delle isole ecologiche, impegni sulle scuole, studi idrogeologici, poli culturali nelle zone nord del territorio; rispunta fuori, di contro, la balzana idea di un sottopasso della Fossa Traianea, senza invece concentrarsi nella realizzazione di un secondo ponte tra Parco Leonardo e Dragona, che sarebbe risolutivo per la viabilità.

Soldi se ne trovano, al contrario, per l’immigrazione e le famiglie non tradizionali, mentre per l’investimento per le politiche a favore dei nostri giovani si ferma ad appena 18.000 euro. Altri soldi se ne trovano anche per pagare, a carico della collettività, i debiti fuori bilancio relativi alle cause perse in sede tributaria da un Comune evidentemente poco attento.

Dall’incontro è emerso – concludono Gonnelli e Battilocchio – che a Fiumicino il centrodestra si compatta. I nostri emendamenti, che presenteremo, hanno lo scopo di valorizzare le famiglie tradizionali, i nostri cittadini, la nostra cultura e le nostre tradizioni, per dare risposte concrete alla collettività”.