Seguici su

Cerca nel sito

Ardea: anche i dipendenti delle farmacie comunali passano al privato, è polemica

Il Consigliere E. Ludovici si rivolge al Sindaco: "E' un errore trasferire al privato dipendenti contro la loro volontà"

Ardea – In merito alle scelte politiche adottate dal Sindaco del Comune di Ardea, sull’affidamento in concessione delle farmacie comunali di Tor San Lorenzo e Nuova Florida si annovera la volontà dell’ente di cedere anche il personale dipendente delle farmacie: la farmacista e l’impiegato comunale trasferito dall’ufficio tecnico comunale presso la farmacia di Nuova Florida tutto avvenuto con ordine di servizio in data 11.07.2018 fino a nuovo ordine, il nuovo ordine per il ricollocamento non c’è mai stato.

Visto le procedure di cessione il dipendente avrebbe dovuto essere ricollocato nell’ente, cioè presso l’ufficio tecnico comunale con un nuovo ordine di servizio, ciò non si è verificato. Stessa cosa la farmacista che chiese espressamente al comune di Ardea con nota del 07.12.2017 chiedendo di essere ricollocata presso gli uffici comunali, la farmacista non ha avuto risposta dall’amministrazione comunale.

Si evidenzia che la cessione dell’unica farmacista, dipendente del Comune, a privato impedirebbe all’ente di avere la possibilità di controllare la corretta esecuzione della gestione privata delle farmacie comunali con risorse interne qualificate.

Ritengo un errore la decisione amministrativa di trasferire al privato dipendenti contro la loro volontà e mi pare assurdo che si rispettino le norme in maniera solo formale tralasciandone l’interpretazione secondo il quadro complessivo, visto che le leggi hanno lo scopo di migliorare i servizi e renderli efficienti e non certo di distruggerli.

Chiedo all’amministrazione comunale e ai dirigenti un tavolo urgente di incontro al fine di trovare soluzioni ottimali capaci di garantire il diritto costituzionale al lavoro, parità di trattamento e non discriminazione di chi lavora nell’ente e affrontare con scrupolosa responsabilità le scelte adottate. Le vendite delle farmacie in moltissime città italiane non sono oggetto di trasferimento di contratti di lavoro subordinato con i dipendenti e peraltro le aziende farmaceutiche vengono trasferite senza il personale.

Riguardo la problematica delle farmacie, ci tengo a precisare che ho anche presentato un’interrogazione (clicca qui: Pag.1_di_2 / Pag.2_di_2).

Lo dichiara in un comunicato stampa il Consigliere comunale Edelvais Ludovici.

(Il Faro on line)