Seguici su

Cerca nel sito

Le Rubriche di Il Faro Online - Scuola

Scuola, Anief: “Approvata l’ennesima riforma che allontana l’Italia dall’Europa”

Marcello Pacifico: "Il doppio canale di reclutamento è un passaggio obbligato se si vuole garantire la continuità didattica"

Scuola –  “Tra le novità apportate dal testo definitivo del disegno di Legge di Stabilità, che sarà pubblicato in Gazzetta dopo l’ultimo passaggio formale alla Camera, c’è quella del ritorno ai concorsi con l’accesso alle nuove procedure concorsuali con la sola laurea se conseguita con 24 crediti formativi in discipline antropo–psico–pedagogiche ed in metodologie e tecnologie didattiche. Il superamento delle prove concorsuali costituisce abilitazione all’insegnamento per le medesime classi di concorso per le quali si è partecipato. Arriva al capolinea, senza mai essere partito, il FIT, il percorso triennale di formazione e reclutamento dei docenti che già Anief aveva denunciato come troppo lungo e tortuoso e che avrebbe voluto risolvere il problema del mancato reclutamento del personale abilitato con il TFA e PAS o SFP escluso dal 2012 dall’inserimento in GaE e quindi dal reclutamento straordinario avvenuto negli ultimi tre anni, tanto da lasciare 50 mila cattedre scoperte” – lo afferma in un comunicato il sindacato Anief

“Ma i veri e propri beffati sono i precari storici . continua il comunicato – che hanno svolto, nel corso degli otto anni scolastici precedenti l’avvio delle procedure concorsuali, almeno tre annualità di servizio, anche non successive su posto comune o di sostegno, a cui invece di un concorso riservato è garantito soltanto il 10% dei posti del nuovo concorso. La mancata riapertura delle GaE, chiesta a gran voce sempre dall’Anief, bocciata in estate dopo esser passata nel testo approvato dal Senato del disegno di legge Milleproroghe pone un nuovo problema sul contenzioso relativo all’abuso da parte dello Stato italiano sui contratti a termine”.

Marcello Pacifico (Anief-Cisal): “È un vero peccato, perché il doppio canale di reclutamento rimane un passaggio obbligato per garantire la continuità didattica e per rispondere alle accuse dell’Europa come aveva chiarito la Consulta e la Cassazione. La nostra proposta sarebbe servita anche a fornire una riposta alla procedura d’infrazione 2014/4231 pendente presso la Commissione europea sulla violazione dell’Italia della normativa comunitaria dei contratti a termine. Ancora una volta, la parola passerà ai tribunali visto che l’esclusione dal piano di immissioni in ruolo del personale docente non abilitato e del personale Ata insieme al venir meno del fondo per il risarcimento e dal limite dei contratti fanno decadere quelle misure atte a evitare la stabilizzazione di tutti i supplenti”.

“Un percorso a parte sarà riservato ai precari storici – continua Pacifico – che abbiano svolto, nel corso degli otto anni scolastici precedenti l’avvio delle procedure concorsuali, almeno tre annualità di servizio, anche non successive su posto comune o di sostegno, presso le istituzioni del sistema educativo di istruzione e formazione, con la possibilità di poter concorrrere per un numero di posti riservati pari al 10%: questi supplenti potranno partecipare, inoltre, alle procedure concorsuali senza aver conseguito i 24 CFU, per una tra le classi di concorso per le quali abbiano maturato un servizio di almeno un anno. Nel testo di riforma, inoltre, è previsto che il superamento delle prove concorsuali costituisce abilitazione all’insegnamento per le medesime classi di concorso per le quali si è partecipati”.

Per quanto riguarda le procedure selettive su posto comune, i candidati dovranno superare due prove scritte e un orale, con verifica anche della conoscenza di una lingua straniera europea almeno di livello B2. Per il sostegno non ci saranno idonei: la graduatoria a fine concorso, infatti, sarà composta da un numero di soggetti pari, al massimo, ai posti messi a concorso e le graduatorie avranno valenza biennale, con i vincitori di concorso che dovranno superare due prove (una scritta e un orale), In entrambi i casi, gli immessi in ruolo dovranno rimanere quattro anni nella stessa scuola in cui hanno svolto l’anno di prova, salvo che “il docente sia soprannumerario o possessore di L. 104”.

Nella fase di attribuzione del punteggio ai titoli posseduti, il testo approvato prevede che si valorizzeranno particolari titoli e percorsi: dottorato di ricerca; abilitazione specifica conseguita attraverso percorsi selettivi di accesso; superamento delle prove di un precedente concorso ordinario per titoli ed esami nelle specifiche classi di concorso; titoli accademici nell’ambito della pedagogia speciale e didattica dell’inclusione.

“È questo, dunque, – continua il comunicato Anief – il percorso escogitato dal Parlamento, su indicazione del Governo a maggioranza M5s–Lega, per cambiare le regole sul reclutamento nella scuola. La domanda che ci si pone, allora, è: basterà per superare l’attuale situazione di precariato altissimo con oltre 50 mila supplenze annuali assegnate sul sostegno ad altre 100 mila su cattedra curricolare, con i numeri record destinati a crescere? La risposta, certamente, è negativa. Perché non si attua il provvedimento madre, quello che avrebbe risolto tutto, senza investire negli ennesimi concorsi che porteranno ulteriore precariato: manca la riapertura delle GaE alle tante decine di migliaia di docenti già selezionati, formati e abilitati. La stessa operazione avrebbe garantito anche la scorsa estate di evitare che 33 mila cattedre già destinate ai ruoli fossero andate deserte, andando a produrre ulteriori buchi di posti”.

Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal, è amareggiato: ricorda che “il provvedimento di riapertura delle GaE, così come già era accaduto nel 2008 e quattro anni dopo, è stato chiesto prima alla Camera e poi allo stesso Senato. Perché il doppio canale di reclutamento è un passaggio obbligato se si vuole garantire la continuità didattica. Tra gli emendamenti di cui ci siamo fatti portavoce al Senato, sempre per trovare una risposta definitiva al problema del precariato scolastico, figura anche la conferma dei contratti a tempo indeterminato stipulati con clausola rescissoria per i docenti che abbiano superato l’anno di prova, in modo da consentire di garantire la stessa continuità didattica grazie al personale che è stato valutato idoneo all’esercizio della professione”.

La nostra proposta sarebbe servita anche a fornire una riposta al contenzioso oggetto della procedura d’infrazione 2014/4231 pendente presso la Commissione europea sulla violazione dell’Italia della normativa comunitaria dei contratti a termine dopo l’approvazione della Buona Scuola e le sentenze delle Sezioni Unite della Cassazione a partire dalla n. 22552 del novembre 2016. Tutte situazioni in essere – continua Pacifico – su cui non potranno non pesare le espressioni fornite dall’avvocato generale Szpunar della Curia europea, il quale si è detto d’accordo con le tesi della Commissione UE e del docente ricorrente Rossato che, una volta assunto in ruolo dopo diversi anni di precariato, chiedeva giustamente il risarcimento per l’abuso dei contratti a termine. Sempre in attesa di conoscere anche gli esiti della recente sentenza C-331/17 Sciotto, emessa dalla Corte di Giustizia Europea il 25 ottobre scorso, che prevede la conversione automatica del contratto a tempo determinato in indeterminato se il rapporto di lavoro perdura oltre i famigerati 36 mesi anche non continuativi su posto vacante. Ancora una volta, per far valere questi diritti, la parola passerà ai tribunali”.

Ufficio Stampa Anief. – www.anief.org

(Il Faro on line)