Seguici su

Cerca nel sito

Ostiamare, Calveri: “Pronti a dimostrare chi siamo”

Avverte gli avversari il giocatore lidense. A poche ore dalla partita con l’Aprilia, Jacopo parla della vigilia e della voglia di tornare alla vittoria, al più presto

Ostia – Dal 2016 è una pedina importante per la prima squadra dell’Ostiamare. E ne ha fatta tanta di strada e ha convinto tutti. Mister Greco lo ha messo subito tra i titolari e Jacopo ha ringraziato l’ambiente lidense come meglio sapeva fare. Giocare con il cuore.

A qualche ora dalla partita interna con l’Aprilia, è proprio il ventenne gabbiano di Ostia che presenta la sfida. Calveri è un jolly in campo ed è diventato una colonna della squadra dell’Anco Marzio. Difesa e  centrocampo non è un problema per lui. Segna quando serve e fa segnare. Si sacrifica e recupera palloni. Ed è giovanissimo. Con ampio margine di crescita.

Deve risalire però, insieme ai suoi compagni. Quei soli 22 punti nel Girone G pesano e danno fastidio a metà classifica. Dopo il pari rimediato in terra sarda con il Castiadas, il giocatore biancoviola vuole finalmente riportare la gioia all’Anco Marzio. E’ da un po’ che la vittoria non arriva per l’Ostiamare e Jacopo è ansioso di poterla conquistare di nuovo.

All’apertura del nuovo anno e nella seconda giornata di ritorno che si svolgerà domenica, i sogni sembrano tutti possibili. Il campionato è ancora aperto e Calveri ci crede. L’1 a 1 in Sardegna non è andato giù, né a lui né ai compagni, ma il gabbiano fa un esame di coscienza: “Siamo davvero rammaricati per questo – dichiara nell’intervista di Riccarto Troiani, dell’Ufficio Stampa  dell’Ostiamare – probabilmente questa volta, rispetto alle altre gare, non meritavamo di vincere al 100%”. Gli avversari di domenica scorsa hanno pareggiato prima della chiusura della partita, dopo una splendida rete iniziale di De Julis su punizione. E ancora la strada è lunga per i tanti accorgimenti da approntare. Lo dice Jacopo: “Stiamo lavorando molto sul piano della concentrazione. Non possiamo permetterci distrazioni, soprattutto nei minuti che decidono le partite”.

Ci sarà l’Aprilia Racing Club allora. Una società che si è rinnovata molto e che ha fondato una compagine in campo, votata alla vittoria. Hanno perso domenica scorsa i giocatori di Mister Feola. Con la Vis Artena hanno ingoiato il 2 a 1 finale e in casa. Ovviamente, vorranno riscattarsi. Come i biancoviola. Calveri ammette: “Affronteremo una squadra che ha dei grandi giocatori. Sarà una partita difficile. Ci interessa solamente riconquistare quel successo che ci manca da tanto tempo. Vogliamo che l’Anco Marzio torni ad essere il nostro fortino”.

E allora Jacopo parla di quel gruppo. Di quel carattere e di quell’unione dei giocatori lidensi. Aspetti conosciuti e caratteristici dello spogliatoio: “La forza è il gruppo. Ringrazio Adriano D’Astolfo, Francesco Colantoni e Davide Barrago per i consigli. Ci aiutano a migliorare”. Quando il legame in campo è così sorprendente, non fa fatica l’amicizia a nascere anche fuori dal calcio: “Sono felice di aver trovato degli amici veri, con cui è piacevole fare anche dei viaggi”. Capita nello sport. Lo fanno quei valori indissolubili: “Siamo pronti – sottolinea Calveri – vogliamo raggiungere la salvezza il prima possibile. Pronti a dimostrare chi è l’Ostiamare!”.

Appuntamento a domani pomeriggio allora. Alle 14,30 fischio d’inizio all’Anco Marzio. I gabbiani affronteranno un’agguerrita Aprilia. Ma anche loro non scherzano. Chi vincerà ? Lo dirà il campo. Molto presto.

(Il Faro on line)