Seguici su

Cerca nel sito

Scherma, doppietta Italia in Coppa del Mondo

Fortunata tappa a Parigi. Si rinnova la buona tradizione azzurra. Foconi sale sul primo gradino e fa bis dopo l’edizione 2018. Avola terzo

Il Faro on line – Un anno dopo e con un titolo iridato al collo, Alessio Foconi torna sul gradino più alto del podio nella gara di Parigi, seconda tappa stagionale del circuito di Coppa del Mondo di fioretto maschile.

Sulle pedane parigine, Alessio Foconi concede il “bis” dopo il successo dell’edizione 2018 e raccoglie ancora gli applausi del pubblico transalpino che ha potuto ammirare lo sfoggio di talento del fiorettista ternano dell’Aeronautica Militare.

Come lo scorso anno, l’ItalFioretto si ritrova a festeggiare: stavolta una doppietta, grazie all’iridato ed a Giorgio Avola. Se dodici mesi fa si faceva festa per una tripletta con Foconi sul gradino più alto del podio, Daniele Garozzo sul secondo ed Avola sul terzo, il 2019 si apre con il ternano ancora lì ed il modicano ancora sulla terza piazza del podio parigino.

A sorridere di più è ancora il fiorettista umbro che urla il suo “daje” di vittoria dopo la stoccata del 15-12 giunta in finale contro lo statunitense Gerek Meinhardt che, in semifinale, aveva sconfitto Giorgio Avola per 15-13.

Il campione del mondo è giunto in finale grazie al successo contro l’altro portacolori statunitense Race Imboden per 15-12, dando continuità ad un percorso di gara che lo aveva visto, da numero 1 del tabellone, superare all’esordio per 15-8 il francese Baptiste Mourrain e poi a seguire il russo Grigoriy Semenyuk anche in questo caso col punteggio di 15-8. Nel turno dei 16 il ternano dell’Aeronautica Militare aveva avuto ragione dell’altro transalpino Jeremy Cadot per 15-11, prima di affrontare e superare ai quarti il beniamino di casa, Erwan Le Pechoux, sconfitto 15-7.

Sul podio sale anche Giorgio Avola che aveva esordito vincendo per 15-12 il primo match di giornata contro il portacolori di Hong Kong, Lee Yat Long. A seguire aveva avuto ragione del russo Askar Khamzin per 15-9 e poi agli ottavi dello statunitense Sidarth Kumbla col punteggio di 15-5.

Ai quarti il fiorettista delle Fiamme Gialle si era aggiudicato il derby azzurro contro Daniele Garozzo col punteggio di 15-12, fermando quindi l’olimpionico di Rio2016 ai piedi del podio.

Ad uscire di scena ai quarti di finale anche l’altro azzurro Edoardo Luperi, sconfitto 15-12 dallo statunitense Race Imboden.

Foto : Augusto Bizzi