Seguici su

Cerca nel sito

#RomaRisorgi, l’Ugl apre un tavolo di confronto con il Campidoglio foto

Rossi e Valiani: "Questa giornata, che avrebbe potuto essere l’avvio di una vertenza su Roma, è stata invece l’avvio di una piattaforma per Roma"

Roma – Ugl in piazza per dire no agli appalti al massimo ribasso che non garantiscono i lavoratori e penalizzano i cittadini. Il 17 gennaio 2019 è il giorno della protesta e della proposta.

#RomaRisorgi mobilitazione Ugl

Tutti i comparti del sindacato, compatti, si sono dati appuntamento nel piazzale del Capidoglio per scuotere una Capitale bloccata dai problemi: rifiuti, trasporti, sanità, servizi sono i punti di dolore di un’Amministrazione capitolina che a due anni dal mandato elettorale ancora non riesce a sbrogliare la matassa (leggi qui l’articolo).

Centinaia di persone, sotto lo sguardo vigile di Marco Aurelio, hanno manifestato per l’intera mattinata, fino alla comunicazione del Sì all’incontro con alcuni rappresentanti della giunta Raggi.

In Campidoglio presenti, insieme ai rappresentanti dei comparti, il Segretario Provinciale Igiene Ambientale Mauro Piconi, che ha ottenuto il sostegno politico del Segretario dell’Ugl Lazio, Armando Valiani, e dell’Utl Roma guidata da Ermenegildo Rossi. Alla manifestazione è stato presente anche il Segretario generale Francesco Paolo Capone, per dare maggior forza alla richiesta che arriva dal territorio nei confronti dell’amministrazione comunale capitolina, affinché si attivi per fornire la città di quei servizi che una capitale europea merita di avere.

#RomaRisorgi è lo slogan utilizzato, e nel cuore della protesta c’è stata la prassi ormai consolidata di effettuare gare d’appalto al massimo ribasso, prassi in uso per le Asl e le municipalizzate, tanto per fare degli esempi. “Basi d’asta – spiega Piconi – che non assicurano neanche la copertura degli stipendi del personale esistente” (leggi qui l’articolo).

Dopo una mattinata di mobilitazione, c’è stato l’incontro tra i rappresentanti dell’Ugl e l’assessore capitolino Antonio De Santis: ““Abbiamo consegnato all’Assessore un documento programmatico con le nostre proposte, – affermano in una nota congiunta Ermenegildo Rossi, segretario Ugl Roma, e Armando Valiani, segretario Ugl Lazio – chiedendo con forza di affrontare tutti i temi che affliggono i lavoratori ed i cittadini di Roma Capitale, con particolare attenzione ai servizi ed allo stato degli appalti” (leggi qui l’articolo).

“L’Assessore – proseguono – dimostrando grande sensibilità ai temi proposti, nell’ottica di individuare un percorso condiviso e costruttivo, che possa fare tesoro dei diversi tavoli già in essere con i molteplici  settori del Comune di Roma, come ad esempio avviene con l’Assessorato per la Mobilità, ci ha assicurato che avrebbe trasmesso le nostre istanze a tutta l’Amministrazione”.

“Confidiamo – dicono Rossi e Valiani – che questa giornata, che avrebbe potuto essere l’avvio di una vertenza su Roma, sia stata invece l’avvio di una piattaforma per Roma, dove lo spirito di condivisione e la collaborazione tra l’Amministrazione Capitolina e la nostra Organizzazione possa contribuire a risolvere i problemi che affliggono lavoratori e cittadinanza”.

Alla sindaca è stato inviato un dossier con alcune proposte operative dell’Unione Generale del Lavoro da trasmettere agli assessorati competenti. La concertazione – ha concluso Ermenegildo Rossi – è l’unica via per dare soluzioni ad una città che merita di riconquistare il posto che la Storia le ha assegnato, cioè Capitale della storia del mondo”.