Seguici su

Cerca nel sito

Acilia, 1,3 milioni per rifare via Macchia Saponara: gara di appalto a rischio

Il Comune di Roma pubblica la gara d'appalto per manutenzione straordinaria di via Macchia Saponara. Giallo sulla data d'esecuzione dei lavori

Roma – Il Campidoglio pubblica la gara d’appalto per la manutenzione straordinaria di via Macchia Saponara ma il bando rischia di essere annullato: manca il termine per la consegna delle offerte che, addirittura, è fissato per l’anno 2018.

Giallo sulla gara d’appalto lanciata dal Comune di Roma Capitale denominato “P.R.U. ACILIA – DRAGONA O.P. 17 – MANUTENZIONE STRAORDINARIA DI VIA MACCHIA SAPONARA PER IL TRATTO DA VIA PINDARO A VIA MOLTENI“. Il valore totale stimato è di 1.282.975,36 euro dei quali circa 265mila euro per manodopera.

Il bando di gara pubblicato sull'Albo Pretorio: con evidenziatore orari e date mancanti per la consegna delle offerte

Il bando di gara pubblicato sull’Albo Pretorio: con evidenziatore orari e date mancanti per la consegna delle offerte

Si tratta di un’opera particolarmente attesa: il tratto di strada è lungo e gravemente ammalorato da anni.

Il bando di gara, che è a procedura aperta, è stato pubblicato dal Dipartimento comunale SIMU (Sviluppo Infrastrutture e Manutenzione Urbana) il 14 gennaio scorso sull’Albo Pretorio ma contiene un elemento che rischia di invalidarlo. Alla sezione IV riservata alle Procedure, infatti, il comma 1.4 destinato al termine per il ricevimento delle offerte è lasciato in bianco rispetto alle ore ed al giorno mentre è stampato per l’anno. Si tratta del 2018 che, notoriamente, è già trascorso. La grave mancanza viene ripetuta anche al successivo comma 1.7 nel quale non vengono fissati orario e data di apertura delle offerte e quindi di prima seduta della gara.

Il giallo si somma al mistero sulla fine dei 6,5 milioni di euro promessi all’inizio del mese di novembre 2018 dal Campidoglio per la realizzazione di queste opere ma ancora non appaltate. Il vincolo era che gli interventi fossero appaltati prima del 31 dicembre ma il X Municipio si è limitato a emettere una determina dirigenziale il 20 dicembre per l’impegno di spesa. Il regolamento degli appalti, però, prevede che un impegno di fondi può avvenire solo a condizione che nella determina dirigenziale sia indicato il codice creditore e quindi che quel lavoro sia stato già affidato o appaltato. Finora nessun appalto riguardo a quel pacchetto di opere è stato lanciato.

Per un’amministrazione retta da un partito, il Movimento 5 Stelle, che si è fatto vanto di trasparenza e legalità è un po’ troppo.

Per fare chiarezza sulla vicenda la capogruppo municipale di Fratelli d’Italia, Monica Picca, ha fatto richiesta d’accesso agli atti.