Seguici su

Cerca nel sito

Karate, gli azzurri a Parigi per la Premier League

Sono partiti ieri gli atleti tricolori e oggi cominceranno la competizione nella capitale francese. In palio punti preziosi per Tokyo. Aschieri: “Siamo pronti”

Il Faro on line – E’ cominciata la stagione del karate. Quella targata 2019. Quella che porterà alle prossime Olimpiadi. Sono partiti ieri gli azzurri per Parigi.

Questo fine settimana tutti sui tatami del De Coubertin, per acchiappare punti preziosi destinazione qualifica verso Tokyo 2020. E la Nazionale italiana è pronta. Si lascia alle spalle le medaglie mondiali di Madrid e delle altre competizioni alle quali i karateka tricolori hanno partecipato.

Con determinazione, i convocati dell’Italia Team del karate tenteranno di salire sul podio della prima Premier League dell’anno, per realizzare il sogno a Cinque Cerchi. Sono partiti per Parigi con la mente e il cuore pieni di immagini e di tecniche scambiate all’Olympic Training Camp che la Fijlkam ha organizzato in questa ultima settimana trascorsa, al Centro Olimpico Matteo Pellicone di Ostia.

Questa volta gli allenamenti di preparazione al torneo francese si sono arricchiti della partecipazione, utile, degli altri karateka di ben 10 paesi del mondo. Una mini Olimpiade dunque, per puntare nel 2019 a quella ufficiale. Questa iniziativa si è rivelata un ottimo test di avvicinamento alla competizione della World Karate Federation: “Abbiamo valutato il loro stato attuale durante il camp e possono fare bene”. In questo modo, spiega il direttore tecnico azzurro, Pierluigi Aschieri. Nel comunicato diffuso dalla Fijlkam, il rappresentante dello staff tecnico tricolore descrive il clima e lo stato d’animo dei suoi atleti: “Ci contraddistingue la determinazione – sottolinea – anche se siamo solo all’inizio: il biglietto per Tokyo sarà il risultato di un’accumulazione di punti, ma non si deve lasciare nulla al caso”.

Sono 10 gli azzurri che in queste ore stanno scaldando tecniche e guantini nella capitale francese: Viviana Bottaro e Mattia Busato per il kata, Luigi Busà (-75 kg), Angelo Crescenzo (-60 kg), Laura Pasqua (-61 kg), Luca Maresca (-67 kg), Silvia Semeraro (-68 kg) , Clio Ferracuti (+68 kg), Michele Martina (-84 kg) e Simone Marino (+84) per il kumite: “Tutto serve per rientrare in quei dieci che si giocheranno nel 2020 una medaglia olimpica – chiarisce Aschieri, concludendo – e poi, anche un pizzico di fortuna a volte non guasta”.

Nello sport tutto concorre. Talento, carattere, tenacia e fortuna. E gli azzurri stuzzicheranno il destino per strappare il pass verso Tokyo. Comincerà nella giornata di oggi il kata a squadre maschile e quello individuale femminile. Lo farà insieme ad alcune categorie di peso del kumite, per le eliminatorie iniziali. Domani il resto della competizione e domenica le finali.

Intanto, l’obiettivo è prendersi punti sempre maggiori. Parigi attende.

Di seguito, il programma della Premier League di Parigi :

Venerdì 25 gennaio

Kata individuale femminile, kata a squadre maschile e alcune categorie di kumite (-60 kg, -50 kg, -67 kg, -55 kg, -75 kg).

Sabato 26 gennaio

Kata individuale maschile, kata a squadre femminile e le restanti categorie di kumite (-61 kg, -84 kg, -68 kg, +84 kg, +68 kg).

Domenica 27 gennaio

Finali per il bronzo e per l’oro a partire dalle ore 10:00.

 

Foto : Fijlkam