Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Lazio, emergenza difesa contro la capolista Juve

Si gioca nella Capitale un Match importante per i bianco celesti che non devono perdere terreno con l'obiettivo stagionale del quarto posto

Roma – Ci siamo, è nuovamente un Big-Match quello di stasera allo Stadio Olimpico nella Capitale, dove le Aquile di Roma, affronteranno la Capolista Juventus. Una gara importante per i bianco celesti che non devono perdere terreno con l’obiettivo stagionale, dichiarato, del quarto posto.

Le due squadre arrivano a questo incontro della seconda giornata del girone di ritorno, piuttosto rimaneggiate, anche se, ad essere maggiormente penalizzata, è senza dubbio la Lazio, che ha dovuto reinventare il pacchetto difensivo, visto la squalifica (molto discutibile) di Acerbi e l’assenza del giovane Luiz-Felipe, causa infortunio.

Della Juve che dire? Avrà dei giocatori “out” come la Lazio ma, la rosa dei bianco neri può far dormire sogni tranquilli al suo allenatore, che ha solo l’imbarazzo della scelta su chi mandare in campo.

La juve come nel suo solito, partirà nei primi 15/20 minuti forte per intimorire i bianco celesti, anche se, come espresso dal lazialissimo Massimo Piscedda a ‘RadioSei’ – “La Juve è una squadra camaleontica che sa cambiare pelle in ogni momento e può giocare da provinciale, ti ci fa credere e poi ti colpisce al momento giusto”.

Sarà una partita da giocare con molta attenzione, mettendoci il cuore, la corsa, l’umiltà e l’unità, sperando finalmente che, i gesti tecnici di Luis Alberto, Milinkovic- Savic e Correa, possano accendere Ciro Immobile ed impensierire la porta difesa da Szczesny.

Le dichiarazioni degli allenatori nel pre-partita

 

Farris InzaghiS. Inzaghi – La prima domanda a Mister Inzaghi, nella conferenza stampa pre-partita, era inevitabile sull’uscita di Caceres – “Non sono riuscito a dargli una maglia da titolare fisso, lui non ha mai creato problemi, ha sempre dato tutto, non posso rimproverargli nulla. Se viene da me e mi dice che non è contento, io non posso accontentarlo. Voleva giocare di più. Poi nessuno può dire no alla Juve, gli auguro il meglio perché verso di me e la squadra si è sempre comportato bene. Sulla partita di oggi ed in particolare sulla Juventus, il Mister dei bianco celesti ha dichiarato quanto segue: “Sappiamo che giocheremo contro i numeri uno in Italia e in Europa dovremo fare una partita importante, che ci è già riuscita in passato, quindi speriamo di poterla ripetere domani (oggi). Dovremo giocare una partita con tutte le componenti: testa, cuore e gambe, tutto il possibile. Non è vero che non abbiamo niente da perdere, la cosa più importante sono le motivazioni e l’approccio“. E su Ronaldo aggiunge – “Sarà un osservato speciale, si è integrato subito nel campionato italiano. È il più forte al mondo insieme a Messi“.

MassimilianoAllegriAllegri – “Mi aspetto sempre una partita complicata. Loro cercheranno di battere per la prima volta una grande, speriamo non ci riescano domani. La Lazio è una squadra fisica e tecnica, come la Juventus ha segnato molto su palle inattive. Soprattutto in casa tira molto in porta e domani vorrà riscattare la sconfitta contro il Napoli. Noi invece vogliamo trovare continuità. Giocare all’Olimpico, soprattutto di sera, è sempre bello, e vogliamo realizzare un’ottima prestazione sotto tutti i punti di vista”.

 

 

SS LAZIOLazio (3-5-1-1): Strakosha; Bastos, Radu, Wallace; Parolo, Milinkovic-Savic, Leiva, Luis Alberto, Lulic; Correa; Immobile.

All. S.Inzaghi

 

Bandiera JuveJuventus (4-3-3): Szczesny; De Sciglio, Bonucci, Rugani, Alex Sandro; Bentancur, Emre Can, Matuidi; Douglas Costa, Ronaldo, Dybala.

All. Allegri

 

(Il Faro on line)