Seguici su

Cerca nel sito

E’ nata Via Andrea Fortunato, Polito: “In ricordo di un grande campione” foto

Ringrazia coloro che sono intervenuti alla cerimonia di scoprimento della targa a Salerno il Presidente della Fondazione Polito. In memoria del campione della Juventus scomparso per leucemia, la strada avrà il suo nome

Il Faro on line – Dal 28 gennaio scorso, chiunque passerà per quella strada leggerà il nome di Andrea. In calce sulla targa di marmo appesa al muro, il suo ricordo sarà immortale. Anche in questo modo.

Già vive nei cuori di tutti i tifosi di calcio e appassionati del pallone il terzino sinistro della Juventus. E non solo. La sua storia ha toccato gli animi di tutti. Aveva solo 23 anni Andrea Fortunato e si spense per colpa di una polmonite, conseguente alla leucemia che lo aveva colpito un anno prima. Era il 1995 e la sua Juventus, schierata in campo sempre anche per lui, gli dedicò il suo scudetto numero 23. Come i suoi anni.

E tante sono state le iniziative per lui, dal 25 aprile del 1995. Molto attivo in questo senso è sempre stato Davide Polito. E ancora è stato lui l’artefice di questa iniziativa importante. Con l’aiuto del Comune di Santa Maria di Castellabate, che ha dato l’autorizzazione a nominare una via della città con il nome di Andrea, originario del posto, la Fondazione Fioravante Polito va avanti. Ed è stata essa, insieme ai rappresentanti politici del Comune salernitano, a scoprire la targa in marmo della via.

Nel pomeriggio di lunedì scorso è nata Via Andrea Fortunato. Nelle vicinanze, ecco il Museo e la Biblioteca dedicate al giocatore bianconero: “E’ stato raggiunto un altro grande risultato”. Ha dichiarato Davide Polito a Il Faro on line. Il Presidente della Fondazione che sta portando avanti anche il progetto del Passaporto Ematico, fondamentale per controllare la salute degli sportivi e che presto sarà discusso come legge in Parlamento, è molto felice di quanto avvenuto. E insieme a Polito e ai bambini in divisa da calcio, anche tanti altri personaggi importanti.

E’ direttamente lui a ringraziare coloro che si sono recati all’evento: “Tanti i personaggi dello sport, che sono intervenuti all’intitolazione della via a Fortunato. Tutti hanno sottolineato la giustezza del ricordo del grande campione ex del Como, del Genoa, della Juventus e della Nazionale italiana, prematuramente scomparso”. Tra di essi, coloro che hanno applaudito al ricordo del calciatore salernitano, sono stati Salvatore Sullo, Luca Fusco, Raffaele Sergio, ex calciatori di Serie A e il calciatore attuale della Salernitana Akpa Akpro.

Racconta Davide le sue impressioni e prosegue: “La popolazione del luogo è accorsa numerosa nonostante le avverse condizioni climatiche”. E allora, il Presidente della Fondazione desidera esprimere i suoi ringraziamenti: “Prima di tutto, ringrazio il Sindaco, l’Amministrazione Comunale e tutti coloro che hanno partecipato con commossa e sentita presenza. Lo hanno fatto per ricordare un grande campione e uomo. Vive nel cuore di chi lo ha conosciuto”. E poi aggiunge con particolare emozione: “Chiunque leggerà la targa della via, si chiederà chi fosse Andrea. Tutti gli risponderanno: Era un ragazzo che amava la vita”.