Seguici su

Cerca nel sito

Pronto soccorso, al “Goretti” di Latina al via i lavori di ampliamento

Da lunedì al "Goretti" operativa anche la Holding Area/Discharge room, un'area di ricovero diurna in collegamento funzionale con il Pronto Soccorso.

Latina – Nei corridoi del Pronto soccorso di Latina si respira aria di cambiamento, di novità. Sia per i pazienti che per il personale medico e infermieristico.

Da lunedì prossimo, infatti, partiranno i lavori di ampliamento del nosocomio pontino e il primo step riguarderà proprio il Pronto soccorso. “I lavori – come spiega la Asl di Latina in una nota – seguiranno un programma che inizierà dalla ristrutturazione dell’attuale Servizio di Neurologia per poi gradualmente interessare le altre aree di servizio, in modo tale da non intralciare in alcun modo le attività.

Tale ampliamento è oggetto di specifico finanziamento da parte della Regione Lazio e al termine saranno resi disponibili spazi aggiuntivi di circa 340 metri quadrati rispetto agli attuali. Saranno, quindi, aumentate il numero delle postazioni visita del Pronto Soccorso, cosi come gli spazi per le Sale Rosse.”

Non solo. Sempre a partire da lunedì 4 febbraio a Latina sarà operativa la Holding Area/Discharge room, nuova area di ricovero diurna in collegamento funzionale con il Pronto Soccorso e le Unità operative di degenza.

“Tale area – fa sapere ancora la Asl – è uno degli strumenti organizzativi previsti dalle Linee Guida di indirizzo della Regione Lazio e parte integrante del Protocollo di Gestione dei ricoveri da Pronto Soccorso e di gestione del sovraffollamento che nella fase iniziale avrà disponibili otto posti letto e sarà operativa dalle 8 alle 20 nei locali già utilizzati dal Day Surgery ubicato al quarto piano dell’ospedale.

Secondo un modello sperimentale, recentemente messo a punto dalle Unità Operative dell’Ospedale S.M. Goretti, l’Holding area/Discharge room si configura come un’area di “transito” nella quale confluiscono i pazienti da Pronto Soccorso che necessitano di ricovero in attesa che si liberi il posto letto in reparto, al tempo stesso, quest’area di “transito” accoglierà i pazienti che, dimessi dal reparto, sono in attesa delle ultime formalità amministrative e, magari dei familiari per tornare al proprio domicilio.

L’effetto combinato della funzione di Holding area/Discharge room consentirà pertanto di favorire lo “ scambio” dei pazienti in entrata e in uscita dal ricovero, migliorando la condizione dello stesso Pronto Soccorso che – conclude la nota – potrà operare in spazi maggiori rispetto agli attuali oltre che a concorrere al suo decongestionamento nelle situazioni di iperafflusso.”

(Il Faro on line)