Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Ostia, Comune diserta la commissione: M5S e opposizione occupano aula

Rottura tra Municipio e Campidoglio: dal dipartimento Simu non si presenta nessuno in commissione e scatta la protesta promossa dalla stessa maggioranza

Ostia – E’ scontro tra X Municipio e responsabili del dipartimento comunale SIMU: i consiglieri della commissione Lavori pubblici del M5S stanchi di essere presi in giro occupano l’aula “Massimo Di Somma come forma di protesta appoggiati anche dall’opposizione.

Si fa sempre più profonda la distanza tra apparati del Campidoglio e X Municipio. Questa mattina, lunedì 4 febbraio, nella seduta di commissione Lavori Pubblici convocata per fare il punto sullo stato di manutenzione della via del Mare e di vigilanza sui ponti, benchè convocati non si sono presentati dirigenti del dipartimento SIMU (Sviluppo infrastrutture e manutenzione urbana). Indignati per la scarsa considerazione da parte del Comune di Roma, il presidente della commissione Raffaele Presta ed il capogruppo M5S Antonio Di Giovanni, hanno proceduto ad un’occupazione simbolica dell’aula. Protesta alla quale si sono uniti i consiglieri d’opposizione.

Attendiamo una risposta da mesi – osserva Di Giovanni – Ci sono in piedi temi delicati come lo stato di pericolosità della via del Mare e la vigilanza sui ponti che richiedono interventi, come lo Zelio Nuttal di Dragona, l’Attico Tabacchi di Ostia e quello della via Ostiense di Acilia. Da quando siamo stati eletti, solo una volta i rappresentanti del Simu sono venuti a spiegare quali sono i programmi d’intervento, poi sono spariti. La presidente Giuliana Di Pillo ha inviato subito una nota all’assessore capitolino ai Lavori pubblici perchè c’è una circolare emessa dalla sindaca Raggi che invita espressamente i funzionari a partecipare, laddove richiesti, ai lavori delle commissioni municipali“.

Stavolta – aggiunge Andrea Bozzi, capogruppo delle liste civiche Ora e Un Sogno Comuneprotestiamo insieme alla maggioranza M5S, perché è giusto dire basta alle scandalose assenze del Dipartimento capitolino Simu che hanno esasperato pure la maggioranza che stamattina, finalmente, ha avuto il coraggio di alzare la testa. Bene ha fatto il Consigliere del M5s Presta, presidente della Commissione Llpp di cui faccio parte, a denunciare l’ennesima assenza dei funzionari del Dipartimento Simu, senza i quali non abbiamo potuto discutere di un tema molto serio per il nostro territorio che è quello dei viadotti, tra tutti Attico Tabacchi, i ponti di Dragona e il viadotto tra Ostiense e via Romagnolo a Monti San Paolo“.

Il Campidoglio è sempre più lontano dal suo litorale – aggiunge Bozzi – e finalmente inizia a capirlo anche la maggioranza a cinquestelle, fino ad oggi sempre prostata a Roma. Facciamo inutili Commissioni senza la presenza dei referenti romani che hanno le competenze e cosa dovremmo dire ai cittadini? Che buttiamo i loro soldi? Ad agosto 2018 il segretario comunale inviò una lettera a tutti i Municipi e a tutti i dipartimenti, che portai alla luce in Consiglio Municipale, in cui ricordava loro che la presenza nelle Commissioni fa parte del loro lavoro, ma evidentemente la missiva non ha sortito nulla, quindi bisogna che i Municipi si facciamo sentire e dicano basta a questa umiliante assenza che si ripete, con danno per tutti i cittadini. Dispiace solo che la Presidente Di Pillo non sia la prima a protestare, visto che avrebbe una voce più forte anche dei suoi consiglieri. Ma forse in cuor suo è la prima ad aver capito che Ostia e il Municipio X dovrebbero essere un Comune Autonomo, così avremmo i veri poteri per governare un territorio tanto grande e importante, quanto distante dal Campidoglio“.

Durissimo anche il commento di Monica Picca, capogruppo di Fratelli d’Italia e del consigliere Pierfrancesco Marchesi in X Municipio. “L’occupazione di oggi – sostengono Picca e Marchesi – è l’ennesima dimostrazione del fallimento a 5 stelle ! L’incapacità di governare si evidenzia anche dall’atteggiamento del comune di Roma e del Dipartimento che ha totalmente abbandonato il X municipio e chi lo governa ,tanto che oggi la maggioranza ha dovuto occupare la commissione lavori pubblici per far capire che esiste ! La prossima mossa sarebbe una presa di coscienza della propria inadeguatezza con le dimissioni dell’intera maggioranza allora si che tale sceneggiata avrebbe senso”.