Seguici su

Cerca nel sito

Sei Nazioni: il Galles batte l’Italrugby 26-15, O’Shea: “Abbiamo l’abilità per vincere”

Il ct azzurro: "I ragazzi hanno dato il massimo in campo ed è difficile ora analizzare un’altra sconfitta"

Roma – Nella seconda giornata del Guinness 6 Nazioni 2019, allo stadio Olimpico di Roma il Galles vince contro l’Italrugby con il punteggio di 26-15.

Nella fase iniziale della prima frazione grande possesso gallese nella metà campo azzurra, che porta la squadra di Warren Gatland a condurre il match dopo mezz’ora di gioco sul 12-0, frutto di quattro calci piazzati realizzati da Dan Biggar.

La reazione degli Azzurri arriva al 35’ con il terza linea Abraham Steyn, che su una ripartenza assistita schiaccia l’ovale oltre la linea per la prima meta dell’incontro. Tommaso Allan trasforma successivamente la marcatura, riportando l’Italrugby sotto break 7-12.

A fine primo tempo l’Italia non riesce ad accorciare le distanze dalla piazzola con Tommaso Allan, con un calcio piazzato che da posizione defilata centra il palo, non permettendo agli azzurri di muovere nuovamente il tabellino. Nel secondo tempo è l’Italia ad aprire le marcature, con Tommaso Allan che dalla piazzola porta il XV guidato da Conor O’Shea sul 10-12.

Al 54’ arriva però la prima marcatura dell’incontro per gli ospiti, che vanno oltre al largo con l’ala Josh Adams su un’apertura dei trequarti, che trasformata porta il Galles sul 19-10. A dieci dal termine arriva la meta del definitivo sorpasso ospite, con la segnatura pesante di Owen Watkin che trasformata da Gareth Anscombe porta i dragoni sul 26-10.

Al 75’ nuova offensiva azzurra, che consente all’Italrugby di segnare sul lato destro del campo con l’ala Edoardo Padovani, servito al largo da Tommaso Allan. Lo stesso mediano d’apertura azzurro non riesce nella conversione da posizione defilata; il triplice fischio del direttore di gara Mathieu Raynal chiude così il match sul 26-15 in favore degli ospiti.

Prossimo appuntamento per gli Azzurri sabato 23 febbraio allo stadio Olimpico contro l’Irlanda nella terza giornata del torneo.

O’Shea: “Abbiamo davanti a noi una grande sfida da vincere”

L’allenatore azzurro Conor O’Shea al termine del match tra Italia e Galles ha risposto alle domande dei giornalisti presenti all’interno della sala stampa dello Stadio Olimpico.

“Loro hanno vinto la guerra all’interno del punto di incontro nel momento chiave della partita nel secondo tempo,sono stati molto bravi in questo per tutta la partita. Ho detto a tutti i nostri ragazzi che è importante continuare a lavorare in questo modo. C’è ancora spazio tra noi e loro e dobbiamo continuare a lavorare per colmarlo”, prosegue il ct.

“Il Galles come tutte le squadra che affrontiamo nel torneo è una squadra di altissimo livello. E’ difficile in questo momento analizzare questa sconfitta, abbiamo avuto un’opportunità nel secondo tempo, ma l’energia in quel momento è andata nella direzione dell’altra squadra in favore dei nostri avversari. Siamo stati molto vicini nel punteggio per cinquanta minuti dove siamo stati pienamente in partita, ma nel momento fondamentale del secondo tempo non siamo riusciti a cambiare la partita dalla nostra parte”, aggiunge l’allenatore azzurro.

E conclude: “I ragazzi hanno dato il massimo in campo ed è difficile ora analizzare un’altra sconfitta. Noi abbiamo l’abilità per vincere le partite, abbiamo a disposizione un gruppo che lavora sempre al massimo. Dobbiamo vincere questa guerra, nonostante abbiamo perso un’altra partita, ma niente è impossibile. Abbiamo davanti a noi una grande sfida da vincere nel nostro futuro”.

(Il Faro online)