Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Ardea, il presidente dell’AISA, Carlo Rossetti: “Impossibile per me partecipare alle riunioni in aula consiliare, per inadeguatezze strutturali”

Il bagno dei disabili dell'Aula consiliare è da oltre 9 mesi un magazzino e presenta gli impianti idrici non funzionanti

Ardea – Carlo Rossetti Presidente dell’AISA LAZIO, manifesta tutto il proprio disagio nei confronti dell’Amministrazione Comunale, dalla quale si sente discriminatoDopo 9 mesi dalla prima segnalazione, il bagno per le persone con disabilità dell’Aula Consiliare di Ardea si trova ancora in pessime condizioni igienico sanitarie e strutturali.

Carlo Rossetti, si trova nella condizione, obbligata per i motivi su accennati e di seguito descritti dallo stesso Presidente, di non poter più frequentare l’Aula Consiliare, neanche per le riunioni della Consulta Cittadina per il superamento dell’Handicap Ardea.

La Consulta Cittadina, manifesta tutta la propria solidarietà ad un suo membro e rivendica la mancanza di rispetto nei confronti dello stesso e di tanti altri, da parte dell’Amministrazione Locale.

“Se non riesco a prenderle le chiavi (riferito alle chiavi del bagno per i disabili) – dichiara Carlo Rossetti – perché non ci arrivo (in quanto seduto su una sedia a rotelle), non posso essere autonomo. Il bagno è sempre così, con il rubinetto rotto; sempre completamente pieno e ingombro, per cui io non posso mettermi lateralmente, alla tazza; lo scarico (del Water) è rotto ed ecco qual è lo scarico (lo mostra in un video pubblicato su Facebook al seguente Link): il tubo della doccetta (infilato sotto la toletta del water) che chiaramente, si sfila. Insomma, non è possibile ciò. Sono la bellezza di 9 mesi che noi chiediamo che questo bagno venga messo a posto. Nell’aula Consiliare che è la casa dei cittadini, questo non è possibile e per me è una discriminazione terribile. Io ci soffro per questa cosa. L’ho detto a tutti…non è possibile…non è, veramente, più possibile. In queste condizione, sono costretto a non venire più – riferendosi, in particolare, alle alle prossime riunioni della consulta cittadina per il superamento dell’Handicap Ardea – perché mi sento, veramente, discriminato.

Questo è quanto ieri affermava il presidente dellAISA, Carlo Rossetti, a seguito della sua ennesima “denuncia” dello stata discriminatorio in cui si sente relegato da parte di un’Amministrazione sorda che non vuole ascoltare, né vuole provvedere, a risolvere la condizione disagiata dei servizi igienici per disabili all’interno dell’Aula Consiliare Sandro Pertini di Via Laurentina ad Ardea.

Speriamo che, quanto qui descritto, venga preso in seria considerazione dell’Amministrazione locale, affinché, si possano risolvere problemi che necessitano solo di buona volontà e poche risorse ma, se non risolti, creano delle enormi difficoltà per chi già vive, quotidianamente, una condizione particolare.

(Il Faro on line)