Seguici su

Cerca nel sito

Lazio – Siviglia 0 a 1, una sconfitta segnata dai troppi infortunati: Milinkovic, Immobile, Luis Alberto, Radu, Parolo, Bastos

Ora, solo un'impresa eccezionale potrà ribaltare il risultato mercoledì prossimo in casa del Siviglia che non perde da molto tempo

Roma – Le Aquile della Capitale, escono sconfitte nel primo confronto con il Siviglia. Una partita segnata da un numero troppo alto di infortuni che hanno visto Milinkovic-Savic e Immobile andare direttamente in tribuna, mentre Luis Alberto e Leiva, sono scesi in campo ma, per evidenti condizioni fisiche precarie, hanno reso al di sotto della sufficienza. Ieri si sono aggiunti ai già infortunati, anche Parolo e Bastos. Il primo è rimasto in campo ugualmente ma, ora, potrà pagare le spese di una distorsione alla caviglia procuratosi in fase di ricaduta a seguito di un un salto eseguito per colpire la palla di testa; mentre, il difensore angolano ha accusato un problema alla coscia destra.

In questo turno di Europa League, la Lazio, tra le squadre italiane che partecipano alla competizione europea, è quella che ha incontrato il Team più accreditato ad arrivare fino in fondo al torneo e, volendo trovare qualcosa di positivo in una serata dove tutto è apparso negativo, possiamo azzardare, senza nessuna presunzione ma, con cognizione di causa, che una Lazio al completo e con tutti i suoi giocatori titolari in forma, avrebbe fatto un’altra partita, per cui, pur con una squadra fortemente rimaneggiata ieri sera, i ragazzi di Mister Inzaghi, non hanno dimostrato un divario enorme tra loro e la squadra spagnola allenata dal Mister Machin. Nonostante tutto, la Lazio avrebbe potuto pareggiarla, la partita. In fin dei conti il numero di tiri nello specchio della parta da parte delle due squadre, alla fine è risultato essere uno per parte, anche se il Siviglia ha tirato di più della Lazio.

Comunque, l’incontro di ritorno è in programma per mercoledì prossimo ed ora, sicuramente, servirà un’impresa ai bianco celesti per recuperare il gol di svantaggio e tentare di vincere in terra spagnola. Ma, la Lazio come accaduto anche contro l’Inter a Milano in coppa Italia, ha dimostrato che, se vuole, può vincere contro tutto e tutti, contro qualsiasi avversità del momento. Quindi, Forza ragazzi, stupiteci.

Prima di mercoledì, però, ci sarà la 24A giornata di campionato dove la Lazio incontrerà il Genoa. E qui dovrebbero esserci delle certezze in merito a chi scenderà in campo. Diversi giocatori sono “out” per infortuni. A Formello, il quartier generale della Lazio, più che un centro sportivo di questi tempi sembra un vero e proprio “lazzeretto”. Ed è normale che non si respiri un’aria molto ottimista, in particolare per domenica prossima, dove la Lazio volerà nello stadio Luigi Ferraris, per incontrare i “grifoni“. Facendo il conto, dovrebbero ancora essere “out”: Milinkovic-Savic, Immobile, Bastos, Marusic, Berisha, Luis Alberto e Parolo.

La probabile formazione anti Genoa, molto rimaneggiata e salvo qualche recupero in extremis, potrebbe presentare questa  composizione: Strakosha – Luiz Felipe, Acerbi, Radu – Romulo, Lucas Leiva, Badelj, Cataldi Lulic – Correa, Caicedo.

La parola ai Mister nel dopo Lazio – Siviglia

 

Farris InzaghiS. Inzaghi – “Abbiamo preso un gol da evitare, sapevamo delle loro ripartenze e ci hanno messo in difficoltà tre, quattro volte. Abbiamo avuto situazioni da sfruttare meglio, ma eravamo ben messi in campo. Non abbiamo demeritato. Ho dovuto fare cambi forzati. Non è un risultato positivo, ma possiamo ancora qualificarci. Gli infortuni? A Parolo si è girata la caviglia dopo cinque minuti, ora è molto gonfio. Luis Alberto ha risentito il problema all’adduttore. Parolo sarà out, Luis Alberto vediamo da qui a domenica. Non ci ha sorpreso il Siviglia, sapevamo di avere davanti una squadra forte che abbassa i ritmi e riparte. Le nostre situazioni offensive le hanno difese bene. Un pari sarebbe stato più giusto, ma si deve accettare la sconfitta.

Ora ce la giochiamo a Siviglia. Sapevamo fosse una squadra esperta che tiene la linea  a cinque schiacciata. Hanno giocatori molto bravi nelle ripartenze, a squadra schierata non ci hanno mai impensierito ma abbiamo sofferto sui contropiedi. Nella ripresa siamo stati più preventivi rispetto a prima. Speriamo di ritrovare uomini. Abbiamo fatto la partita che dovevamo, spiace non aver sfruttato le situazioni create. Immobile? Sta meglio, anche Milinkovic. Vedremo nelle prossime ore di recuperarli per Genoa. Per noi è un momento un po’ così per quanto riguarda gli infortuni. Abbiamo tante defezioni che dobbiamo essere bravi a sopperire. Mercoledì giocheremo la gara di ritorno con molta fiducia. Giocheremo con una squadra che abbiamo visto essere molto forte.

Oggi con un po’ di cattiveria in più potevamo pareggiarla. Troveremo uno stadio molto caldo ma adesso bisogna andare per gradi. Pensiamo alla gara col Genoa e poi al ritorno col Siviglia. Recuperi? Su Immobile c’è fiducia, Milinkovic sta meglio ma va valutato. Parolo non ci sarà, e vedremo invece l’entità degli infortuni di Luis Alberto e Bastos. Similitudini fra le due formazioni? Giochiamo con lo stesso modulo, loro sono una squadra esperta che ha sfruttato bene le ripartenze. Nel secondo tempo li abbiamo limitati molto. Senza Banega al ritorno? Abbiamo visto la sua importanza, ma hanno i giocatori per sostituirlo. Col Genoa avremo una partita molto difficile. Dovremo essere bravi ad affrontarla nel modo giusto.”

Machin_Allenatore Sivglia FCMachin – “La sensazione a caldo è che abbiamo avuto le occasioni anche per segnare qualche gol in più. Magari non si è visto, ma a causa delle molte partite giocate il terreno di gioco non era nelle migliori condizioni: anche per questo non siamo stati molto precisi negli ultimi passaggi per indirizzare maggiormente la qualificazione. Ho visto una squadra molto simile a quella che siamo abitualmente, ci sono stati meno errori rispetto alle ultime partite in cui le puntali disattenzioni ci erano costate molto in termini di gol subiti. È stato importante segnare per primi, prendendo noi l’iniziativa e minimizzando i punti di forza dei nostri rivali. Abbiamo colpito dove sapevamo di poter far male, peccato solo non aver finalizzato di più. Possiamo giocarcela al meglio: l’1-0 per noi è favorevole, ma non mi faccio prendere dall’euforia. È un buon risultato, con un pareggio o una vittoria ci qualifichiamo. Abbiamo questo vantaggio, ma siamo consapevoli di dover far bene al ritorno perché in Europa le squadre hanno potenziale.”

Il Tabellino di Lazio – Siviglia

 

SS LAZIOLAZIO (3-5-2): Strakosha 6; Bastos 6 (57° Luiz Felipe 6), Acerbi 6,5, Radu 6; Marusic 5, Parolo 6 (46° Cataldi 6), Leiva 6, Luis Alberto 6 (44° Durmisi 5,5), Lulic 5; Correa 5, Caicedo 5.

A disposizione: Proto, Durmisi, Badelj, Luiz Felipe, Romulo, Cataldi, Patric.

 

Allenatore: Simone Inzaghi.

Bandiera SivigliaSIVIGLIA (3-5-2): Vaclik 6; Mercado 6, Kjaer 6,5, Sergi Gomez 6; Navas 6, Sarabia 7 (83′ Amadou s.v.), Banega 6, Vazquez 6,5, Escudero 6,5 (75′ Promes 6); André Silva 6,5, Ben Yedder 7 (71′ Munir 6). A disposizione: Juan Soriano, Promes, Gil, Rog, Amadou, Mesa, Munir. Allenatore: Pablo Machin.

 

ARBITROSlavko Vinčić (Slovenia)

(Il Faro on line)