Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Giornata internazionale contro il cancro infantile, “pioggia” di palloncini bianchi sul Golfo di Gaeta

Sensibilizzare i giovani si può: grande successo per l'iniziativa portata avanti dallo sportello per le adozioni internazionali "Ernesto" di Gaeta.

Gaeta – Per  celebrare la giornata internazionale contro il cancro infantile, ieri, centinaia di bambini e ragazzi degli istituti scolastici, ma anche agenzie educative, associazioni e società civile si sono uniti nel lancio simbolico dei palloncini bianchi.

A dare il via all’evento sono stati gli studenti dell’ I.C. Carducci di Gaeta, introdotti dal dirigente scolastico dottoressa Maria Rosaria Macera: “Siamo orgogliosi di partecipare e inaugurare questo evento. È importante che i ragazzi siano sensibilizzati e informati su questo argomento perché sono la generazione del futuro, quella chiamata ad adoperarsi nella ricerca scientifica che ci aiuta a sconfiggere questa malattia.”

La Dirigente Macera, dopo aver salutato i rappresentanti di tutte le associazioni presenti ha poi  sottolineato come l’istituto Carducci sia sempre aperto e disponibile anche alle future iniziative di solidarietà.

A seguire è intervenuto il consigliere, presidente della Commissione cultura e sanità del Comune di Gaeta, assessore della comunità montana dei monti Aurunci, dottoressa Gianna Conte: “Ringrazio lo sportello per le adozioni internazionali “Ernesto” che ha proposto l’adesione a questa campagna. Per il Comune di Gaeta è motivo di orgoglio essere i primi a inaugurare questa giornata, alla quale stanno partecipando anche i comuni a noi vicini.”

“Prevenire è vivere, la lotta al cancro si fa ogni giorno nei gesti quotidiani” ha commentato Sandra Cervone portavoce della “Lilt” Gaeta seguita dal vice presidente dell’Aido, Salvatore De Vellis “quello che ci unisce a questa giornata è la tutela per la vita”.

“I bambini lottano con il sorriso” ha chiosato Giovanni Russo, presidente dell’associazione culturale “Golfo Eventi” al quale si aggiunge Sonia Vagnani, insegnante e volontaria dell’associazione “Ernesto” promotrice dell’evento “È importante sensibilizzare i ragazzi su questa tematica”.

A chiudere la presentazione don Riccardo Pappagallo, parroco della comunità di San Carlo “le giornate come questa ci insegnano che una sola cosa è importante – la cura – di sé e del prossimo”.

L’associazione ringrazia per l’adesione e il lavoro tutti i partecipanti:  il dirigente scolastico dottoressa Annunziata Marciano e la professoressa Carmela Paone dell’I.C. Pollione – plesso Milani di Maranola; il dottor Pasquale Gionta dirigente delle scuole  primarie San Cataldo e Petronio di Castelforte; il dottor Maurizio Grassi dirigente scolastico e la professoressa Erika Fazzi della scuola media Andrea Guardi di Riotorto (Piombino);  La scuola dell’infanzia “Il mondo dei folletti” di Nocera Inferiore  e la loro insegnante Mariapina Ruggiero; L’associazione Liberautismo e la sua presidente Laura de Fabritiis; i ragazzi dell’Happy Bar di Formia ( Fabrizia, Francesco,Vittorio, Daniele, Carlo); Lo Spiringuacchio di Gabriella Catania.

E ancora: tutti i responsabili delle sedi e sportelli dell’Associazione Ernesto – ente autorizzato alle adozioni internazionali in Ungheria, il presidente Morena Grandi,  gli amici, le famiglie e  i loro bambini dell’associazione.

Tutte le foto dell’evento sono visibili sui canali social dell’Associazione.

(Il Faro on line)