Seguici su

Cerca nel sito

“Stop” ad amianto e rifiuti, a Gianola la bonifica del Parco De Curtis

Parco De Curtis torna a "respirare": ieri si è concluso l'iter di smaltimento dell'amianto. Prossima tappa: la bonifica dell'intera area.

Formia – Era dicembre quando, dopo specifica ordinanza, al Parco De Curtis, a Gianola, vi fu un vero e proprio blitz: con il sindaco di Formia Paola Villa, infatti, vi era non solo l’allora dirigente dell’Urbanistica Domenico Di Russo, ma anche la Guardia di Finanza.

Un blitz che fece emergere come, nell’area sottostante il rudere di cemento armato – ex Gil- di Parco de Curtis vi fosse ormai una vera e propria discarica a cielo aperto, con innumerevoli rifiuti “in sosta” lì da anni, nonostante le varie e numerose segnalazioni dei cittadini.

Dopo il sopralluogo, tramite l’ufficio ambiente e l’Ausl,  è stato attivato prima il protocollo per la rimozione delle diverse lastre di eternit presenti sul posto e poi si è andati avanti con la catalogazione dei rifiuti presenti, in particolar modo la grande quantità di elettrodomestici, materiale per l’edilizia e pneumatici.

Così, oggi, quel polmone verde a due passi dal mare, sembra pronto a tornare a “respirare”. Ieri, infatti, si è concluso l’iter di smaltimento dell’amianto e ora si sta procedendo, grazie all’ausilio della “Formia Rifiuti Zero”, alla totale bonifica dell’area, con la rimozione dei restanti rifiuti.

“Il Parco de Curtis – afferma il sindaco Paola Villa – di proprietà regionale rappresenta, uno dei polmoni verdi della nostra città ed è obiettivo di questa amministrazione innanzitutto salvaguardarne l’aspetto ambientale, e successivamente potenziarlo come punto di riferimento non solo dell’intero quartiere di Gianola, ma di tutta la città di Formia. Siamo contenti che dopo tanti anni, finalmente i rifiuti lo abbandoneranno.”

(Il Faro on line)