Seguici su

Cerca nel sito

Le Rubriche di Il Faro Online - Scuola

Alternanza scuola-lavoro: ll Miur comunica alle scuole la riduzione delle risorse assegnate per l’A.S. 2018/2019

Prevista una diminuzione di oltre il cinquanta per cento dei finanziamenti comunicati a settembre e relativi al 2019

SCUOLA – Con nota n. 3380 del 18 febbraio 2019, a firma congiunta dei Direttori Generali per gli Ordinamenti Scolastici e le Risorse Finanziarie, il MIUR ha reso noto ai dirigenti scolastici che la revisione dei percorsi di Alternanza Scuola-Lavoro prevista dall’art. 1, commi 784-787, della legge di bilancio 2019 riguarderà anche l’anno scolastico in corso, con conseguente drastica riduzione delle risorse finanziarie già comunicate alle scuole a settembre 2018.

Con la rimodulazione dell’alternanza scuola-lavoro, il monte orario minimo richiesto alle scuole passerà da 200 a 90 ore nei licei e da 400 a 150/210 negli istituti tecnici e professionali, così anche le risorse vengono riparametrate nei limiti necessari allo svolgimento del numero minimo di ore.

L’idea di base del ministro Bussetti è quella di alzare lo standard qualitativo dei progetti di alternanza. Nella nota, infatti, si prevede la pubblicazione, a breve, di Linee Guida riguardanti i “percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento” (questa la nuova denominazione dell’Alternanza Scuola-Lavoro nella Finanziaria 2019) che troveranno applicazione dal prossimo anno scolastico.

“Occorre ridurre per ciascuna istituzione scolastica, in misura proporzionale alla revisione delle ore minime dei percorsi, la risorsa finanziaria comunicata in sede di assegnazione preventiva relativamente al periodo gennaio-agosto 2019” – Così recita una circolare del Miur, inviata a tutti i dirigenti scolastici negli scorsi giorni.

In una fase dell’anno scolastico in cui tutte le scuole secondarie di secondo grado hanno già da tempo programmato (e in molti casi realizzato) le attività di alternanza scuola-lavoro per gli studenti del triennio, il venir meno delle risorse comunicate dal MIUR, regolarmente accertate e impegnate, determinerà una serie di problematiche finanziarie, contabili e contrattuali di cui il dirigente scolastico dovrà farsi carico, con conseguenze, anche di natura legale e giudiziaria, di non facile soluzione.