Seguici su

Cerca nel sito

Antonio Tajani, incontra nella Capitale i quadri romani di Forza Italia

Davide Bordoni (FI): "La nostra bandiera è Antonio Tajani e dobbiamo edificare una grande squadra intorno a lui"

Roma Città Metropolitana –  Ad aprire la riunione di ieri dei quadri romani di Forza Italia è stato il Coordinatore Romano, Davide Bordoni che, dopo aver salutato presso l’Hotel dei Congressi nel quartiere Eur della Capitale, i vari dirigenti, esponenti e militanti del partito azzurro accorsi per l’occasione, si è voluto soffermare sul difficile momento che la città eterna sta attraversando:  “Roma è in affanno – ha dichiarato Bordoni – mancano investimenti mirati, manca la sicurezza, mancano le iniziative di attrazione in una città che dovrebbe fare del turismo un’arma vincente. Il degrado ormai dilaga in ogni angolo, dai rifiuti alle strade dissestate e a tanto altro ancora.”

“Inoltre, – prosegue Bordoni – la Lega sta facendo del tutto per togliere a Roma investimenti a fronte di uno sviluppo sempre maggiore del nord e in questa pratica, la Capitale sta perdendo il 25% del PIL.”

Poi, appellandosi al suo senso di appartenenza al partito di Berlusconi fin dalla sua nascita nel ’94, Davide Bordoni, indica la strada che deve portare il movimento di Forza Italia ai livelli nazionali che gli competono. “La nostra bandiera – aggiunge Bordoni – è Antonio Tajani e dobbiamo edificare una grande squadra intorno a lui.”

Poi, subito a seguire, un plauso lo rivolge all’evergreen Berlusconi che, “tornato in campo – dichiara il Coordinatore Romano – dimostra ancora una volta di essere il motore trainante di un centro destra che ispira gli ideali di tutti i moderati che si riconoscono nei valori di Forza Italia.”

In conclusione, Bordoni invita tutti i presenti a fare attenzione a quanto sta accadendo, perché secondo i sondaggi, di enti accreditati, siano essi di parte e non, negli  ultimi mesi, vedono Forza Italia in aumento costante.

A seguire, nelle veci di “padrone” di casa (la riunione si svolgeva nel IX Municipio di Roma nel quartiere EUR) ha preso la parola anche Piero Cucunato, capogruppo di Forza Italia in Municipio, il quale ha puntato sulle prossime elezioni europee: “Dobbiamo sfruttare questi due mesi pre-elettorali – dichiara Cucunato – per rilanciare il partito, trattando i temi importanti della città già citati da Bordoni: Degrado, Viabilità, Sicurezza. Solo in questo modo riavvicineremo la base al nostro partito, proponendo soluzioni alternative ad una politica del M5S fatta di nulla.”

Pietrangelo Massaro, anch’esso Consigliere nel IX municipio di Roma, nel suo breve intervento, ha voluto fissare tre concetti fondamentali, attraverso i quali si può e si deve recuperare il terreno perduto e riconquistare l’elettorato dei moderati: “passione, entusiasmo, militanza. Quando si sta sui territori – prosegue Massaro – ci si rende conto del lavoro reale che viene fatto dai nostri attivisti, dai nostri consiglieri con la base e questo è qualcosa di tangibile, che sta prendendo piede sempre più. Dobbiamo stare nelle piazze con continuità e costanza; tra la gente per accogliere le loro istanze, discuterle e trovare soluzioni ai problemi della comunità.”

E’ stata poi, la volta del Senatore Maurizio Gasparri. “Oggi abbiamo la riprova che il m5s a Roma ha fallito – dichiara il Senatore – Il Governo invece di risolvere i problemi li aggrava. Quindi – prosegue Gasparri – dobbiamo ora ricompattarci e lavorare guardando oltre, senza lamentarci. Berlusconi in questi giorni ha dimostrato che Forza Italia c’è, fisicamente. Esistiamo, al contrario di chi vorrebbe far credere il contrario. In particolare da Roma dobbiamo ripartire, perché qui c’è una grande parte del nostro elettorato.”

Voce anche ai giovani, nel convegno dell’Eur. Eleonora Battistini (Coordinatore Forza Italia Giovani Roma) conferma che il movimento giovanile svolge un’attività territoriale a contatto con la base ed è portatore sano dei valori liberali e democratici, che il partito azzurro incarna. Poi, rivolge un appello ai presenti per le imminenti Europee del 26 maggio 2019: “dobbiamo stare nelle piazze con un programma alternativo alle altre forze politiche. In particolare nelle periferie. Sviluppare di più e con conoscenze e competenze adeguate, l’utilizzo dei social network e per questo dovremo prevedere una formazione specifica. Sarà anche indispensabile – conclude Battistini – avere  delle sedi fisiche territoriali strategiche quali punti di riferimento del nostro movimento.”

Il Deputato Paolo Barelli porta l’attenzione sul difficile matrimonio tra Lega e il M5S che, dichiara, “non potrà durare a lungo e già in Sardegna, da queste elezioni regionali potremo avere dei segnali in tal senso.”

Riguardo le elezioni Europee, il deputato di Forza Italia prevede che il movimento azzurro possa inserirsi in uno spazio enorme dove agire politicamente e aggiunge – “anche se è inevitabile che siamo sotto attacco, le tante persone che oggi sono qui e non hanno migrato altrove, dimostrano che Forza Italia è viva e all’altezza per competere e riprendersi il centro destra e l’elettorato moderato che gli appartiene.”

Nel corso della riunione, è stata anche annunciata l’apertura di un ufficio per la gestione dei social network, Twitter, Instagram, Facebook. “Tutto quello che è on line non esiste“…Questo è il messaggio veicolato ieri in sala. Oggi la comunicazione viaggia velocemente e attraverso i dispositivi multimediali. Oramai i social fanno parte della vita di ognuno di noi e dobbiamo prenderne atto e sfruttare tali tecnologie per la nostra causa. “Sono uno strumento necessario – afferma uno dei responsabile della comunicazione multimediale – che dovremo utilizzare per contrastare, crescere, informare, affermare.”

L’incontro si concludeva con l’intervento di Antonio Tajani (presidente del Parlamento Europeo) che, replicando a chi lo ha preceduto, conveniva anche lui che il matrimonio “Giallo-Verde”, è destinato a durare poco.

“Ci sono milioni di italiani – dichiara Tajani – che attendono un’alternativa al Governo “Lega-M5S”. Se ci sarà una nostra affermazione alle prossime elezioni, allora, le contraddizioni che dividono il governo “Giallo-Verde”, spianeranno la strada a elezioni anticipate in Italia.
Stiamo facendo operazioni di aggregazione per le prossime europee, con coloro che si riconoscono nei nostri ideali e programmi. Stiamo chiudendo diversi accordi per sostenere il PPE.”

“Questo dimostra – aggiunge Tajani – che guardiamo al futuro per aggregare forze liberali e riformiste che possano essere alternative alla politica ‘Giallo-Verde’. Il nostro obiettivo è quello di raggiungere alle europee il risultato ottenuto alle ultime politiche. Oggi, tutti i sondaggi anche quelli più critici, appostano Forza Italia in costante crescita e ciò significa che dobbiamo cogliere questa tendenza è fare in modo che l’elettorato ci riconosca l’unica alternativa al governo Lega-M5S.”

“Guardiamo al futuro – prosegue il Presidente Europeo – e a chi ci sta intorno per creare l’alternativa che desideriamo ed ora per dare forza a ciò, dobbiamo scendere in piazza e con ogni mezzo, anche quello come già detto dei social, per confrontarci su tematiche attuali e mettere a nudo le deficienze dell’attuale Governo che crede di risolvere con il reddito di cittadinanza il problema lavoro. Noi diciamo che si potevano aiutare le imprese con meno tasse sul lavoro e non con il reddito di cittadinanza. Non è vero che uno vale uno, come dice il M5S. Un capo elettricista non vale quanto un ragazzino che cambia la lampadina. Le loro idee sono sbagliate in partenza.”

Poi, Tajani fa il focus anche sui problemi delle infrastrutture e tocca l’argomento della TAV. “Questa – dichiara Tajani – è fondamentale,  perché unirà Palermo con terre oltre le Alpi. Occorre mobilitare merci e persone, adeguatamente, e senza inquinare. La TAV è necessaria se non vogliamo perdere in competitività con il resto dell’Europa.”

“Con questo Governo – prosegue Tajani – anche la sicurezza non è migliorata. Guardate cosa è successo a Tor Bella Monaca, un quartiere periferico di Roma, dove alcuni poliziotti sono stati aggrediti mentre stavano assicurando alla Giustizia un malvivente. Non basta mettersi una giacca della Polizia per risolvere il problema. Occorre impiegare più risorse e meglio, per dare concretezza ad un intervento sulla sicurezza. A Roma, ad esempio, ci sono troppi dipendenti di polizia municipale che invece di stare in strada, dove ce ne sarebbe più bisogno in termini di Sicurezza, sono impiegati negli uffici. E questo è il cambiamento del M5S…il nulla rispetto a prima.”

Poi, Tajani punta sulla mancanza di risorse per le imprese ed i giovani: “Non c’è nulla in investimenti alle imprese, così come riguardo a prestiti garantiti per i giovani, che potrebbero avere con una politica diversa, prospettive future imprenditoriali, che significa anche  crescita economica per il paese.”

“La stupidità delle pene – prosegue Tajani – che il governo ‘Giallo -Verde’ vorrebbe applicare per chi truffa lo Stato riguardo il reddito di cittadinanza, fa sorridere perché in un’Italia dove chi uccide non va in galera, pensiamo, realmente, che ci andrà chi trufferà nel reddito di cittadinanza?”

Infine, Tajani fa il suo appello per le prossime europee – “L’unico voto utile per cambiare in Europa è Forza Italia. Né lega, né M5S, potranno avere consistenza in Europa perché lì, sono isolati. Il PPE sarà la prima forza e noi dobbiamo esserci dentro.
Oggi, al parlamento europeo c’è una maggioranza politica di centro destra. Andiamoci anche a prendere la nostra parte di spazio politico, anche con i mezzi multimediali e telematici. Oggi la comunicazione si fa molto di più in questo modo. Siamo presenti sui social e contrastiamo la disinformazione e aggiungiamo contenuti concreti nel marasma mediatico.  Siamo in una società che ha perso i propri valori e noi che rappresentiamo quei valori della famiglia, del lavoro, della libertà economica e della cristianità, abbiamo il dovere di ridare vigore e fiducia ai cittadini. Dobbiamo diventare protagonisti da oggi in poi e combattere per quegli stessi ideali e valori che ci rappresentano.”

Erano presenti molti dei quadri dirigenziali del partito azzurro tra questi: il Senatore Francesco Giro, Antonello Aurigemna Capogruppo alla Regione Lazio, i consiglieri regionali Adriano Palozzi e Laura Cartaginese, il Deputato Anna Grazia Calabria.

(Il Faro on line)