Seguici su

Cerca nel sito

Emergenza maltempo a Formia, il Sindaco: “L’obiettivo è l’incolumità dei cittadini”

Il Sindaco di Formia: "Lavori di accertamento e ripristino sono in corso in alcuni plessi scolastici, nei cimiteri comunali e al Parco De Curtis."

Formia – L’emergenza maltempo dello scorso fine settimana ha interessato, tra le altre località, anche l’intero golfo e ha visto impegnati, in perfetta sinergia,  tutti gli organi preposti: la Protezione Civile, la Polizia Municipale, il servizio manutenzione verde e illuminazione del Comune, gli operatori della Formia Rifiuti Zero, i funzionari comunali, le Forze dell’Ordine e i Vigili del Fuoco.

Sono orgogliosa – afferma il sindaco Paola Villadi aver visto, in un momento così particolare e difficile, tutti adoperarsi per dare risposta immediata al disagio e alle difficoltà dei  cittadini. Tutti hanno dato una mano e hanno messo a disposizione della comunità le proprie competenze per superare l’emergenza; a loro e ai cittadini di Formia che hanno non solo segnalato in tempo reale i casi di necessità ma hanno compreso il momento, va il mio personale ringraziamento e quello di tutta l’Amministrazione.

Con l’obiettivo primario di preservare l’incolumità della popolazione, visti i danni causati dal forte vento, l’Amministrazione ha voluto che venissero avviate una serie di attività di verifica.

Una squadra di tecnici comunali si è concentrata, innanzitutto, sui plessi scolastici; a seguito dei controlli, è emerso che solo quattro scuole necessitano di interventi e, per questo, sono attualmente soggette ad interdizione o chiusura.

Altra attività di accertamento ha interessato i tre cimiteri comunali di Castagneto, Maranola e Castellonorato, colpiti dalla caduta di alcuni arbusti, e che, pertanto, necessitano di lavori di ripristino; in tal senso, è stata predisposta  chiusura fino al 1° marzo.

Anche il Parco De Curtis di Gianola, infine, è attualmente interessato da un’azione di attenta analisi relativa alla vegetazione presente e per questo resterà chiuso fino al 4 marzo.

(Il Faro on line)