Seguici su

Cerca nel sito

Sciopero per il clima, 6mila ragazzi sfilano ai Fori Imperiali di Roma

Il vicepremier Di Maio: "Preso un portale dedicato al clima e all'energia"

Roma – Sono almeno 6000, secondo le stime della Questura, gli studenti che stamani partecipano alla sciopero per il clima a Roma. Il corteo è partito dal Colosseo e ha percorso via dei Fori imperiali, arrivando a fianco dell’Altare della Patria, dove parlano gli oratori previsti, tutti ragazzi, tranne il geologo Mario Tozzi.

Sotto un sole primaverile, sfilano ragazzi delle superiori, qualcuno anche delle medie. Gli adulti sono in netta minoranza. Il clima è allegro e festoso.

I cartelli sono improvvisati, pezzi di cartone disegnati. Fra gli slogan, “Ci siamo rotti i polmoni“, “ci riprendiamo il nostro futuro”, “uno spreco al giorno toglie il pianeta di torno“. “Sapevamo già dell’emergenza clima, ma Greta Thunberg ci ha spinti a mobilitarci”, spiega Alessandro, studente di terza media.

E lo stesso dicono gli altri ragazzi in corteo: “Conoscevamo il problema, ne parlavamo, ma prima di Greta non pensavamo di attivarci“.

Di Maio: “Presto un portale dedicato al clima”

Il Governo ha inviato all’Ue il piano per l’energia e il clima. Lo afferma il vicepremier Luigi Di Maio parlando di piano “rivoluzionario” che permetterà all’Italia di ridurre le emissioni di un terzo fino ad arrivare in alcuni settori al 60%. Le fonti rinnovabili saranno sempre più centrali nel settore elettrico, termico e dei trasporti “passando dall’attuale 18 al 30%”.

“La settimana prossima – prosegue Di Maio in un video su Facebook sullo sciopero di oggi sul clima – presenteremo un portale dedicato a questo piano”. “Bisogna uscire da una mentalità retrograda – aggiunge – secondo la quale si deve scegliere tra l’ambiente e il lavoro”.

“E’ un modello fallimentare da superare – conclude il vicepremier  – sull’ambiente o vinciamo tutti o perdiamo tutti“.

(Il Faro online)