Seguici su

Cerca nel sito

Doro nella storia, la Coppa del Mondo è sua ! foto

Una stagione straordinaria della Wierer che vince la Coppa del Mondo di biathlon. 5 ori, 4 argenti e 3 bronzi. Prima volta per l’Italia in cima alla classifica generale

Il Faro on line – Dorothea Wierer scrive la storia del biathlon italiano conquistando la classifica generale finale della Coppa del Mondo 2018/2019.

Mai prima d’ora un’atleta della Nazionale italiana, uomo o donna, era riuscita ad arrivare a questo straordinario traguardo. Un’autentica impresa che corona nel modo più brillante possibile la straordinaria stagione della “Fiamma Gialla” altoatesina, fresca vincitrice della medaglia d’oro nella mass start ai Mondiali di Östersund e di nuovo in cima al mondo con l’ambita sfera di cristallo, quella della classifica generale!

Dopo aver messo le mani sulla coppa di specialità dell’inseguimento, la Wierer ha dovuto soffrire e stringere i denti lungo i 12,5 km della mass start odierna ad Oslo/Holmenkollen, l’ultima gara della stagione, quella decisiva per la Coppa visto che allo start sia Lisa Vittozzi che Anastasia Kuzmina potevano ancora insidiare il trono della nostra Dorothea.

In una prova ad altissima tensione emotiva, Dorothea ha esordito con uno splendido en-plein al primo poligono per poi scivolare indietro nella seconda serie con 3 errori, sbagli che non hanno però creato problemi alla gialloverde visto che anche le due dirette rivali sono incappate in una giornata difficile al tiro: Kuzmina con 6 errori complessivi, Vittozzi con 5 al pari della Wierer per una classifica di tappa che ha visto le tre stelle chiudere al 10° (Kuzmina), 11° (Vittozzi) e 12° posto (Wierer). Un piazzamento più che sufficiente per “Doro”, nel giorno del successo della svedese Hanna Oeberg, per chiudere la partita con 904 punti contro gli 882 di Lisa Vittozzi e gli 870 della Kuzmina. La Coppa del Mondo arriva per la prima volta nella storia in Italia.

Tutti i podi e le medaglie di Dorothea Wierer nella stagione 2018/2019:

3° posto staffetta mista Coppa del Mondo – Pokljuka (SLO) 02/12/2018

2° posto 7,5 km sprint Coppa del Mondo – Pokljuka (SLO) 08/12/2018

2° posto 10 km inseguimento Coppa del Mondo – Pokljuka (SLO) 09/12/2018

1° posto 7,5 km sprint Coppa del Mondo – Hochfilzen (AUT) 13/12/2018

3° posto 10 km inseguimento Coppa del Mondo – Hochfilzen (AUT) 15/12/2018

1° posto staffetta 4×6 km Coppa del Mondo – Hochfilzen (AUT) 16/12/2018

2° posto 10 km inseguimento Coppa del Mondo – Nove Mesto (CZE) 22/12/2018

1° posto 10 km inseguimento Coppa del Mondo – Anterselva (BZ) 26/01/2019

1° posto single mixed relay Coppa del Mondo – Soldier Hollow (USA) 17/02/2019

3° posto staffetta mista Campionati Mondiali Oestersund (SWE) 07/03/2019

2° posto single mixed relay Campionati Mondiali Oestersund (SWE) 14/03/2019

1° posto 12,5 km mass start Campionati Mondiali Oestersund (SWE) 17/03/2019

Le dichiarazioni di Dorothea Wierer come riportato da Fisi.org :

“Quando ero bambina, non potevo immaginare che un giorno avrei vinto la Coppa del Mondo. Sono molta orgogliosa di quello che ho fatto e sono orgogliosa anche di far parte di una Nazionale così forte. Siamo pochi atleti in Italia, ma abbiamo grande passione, diamo sempre tutto, a partire dai tecnici e dallo staff. Sono davvero felice”.

“In questa stagione sono stata molto continua, anche sugli sci, sebbene ci sia stata qualche gara che non è andata al 100%. Ma non siamo macchine, siamo atleti, quindi ci sta. Dopo i successi possono esserci dei giorni no e viceversa. Ma sono riuscita a mantenermi su un livello alto e crescere ancora un po’ sugli sci”.

“Per me sarebbe importantissimo, dopo tutti questi risultati che abbiamo ottenuto, se il biathlon potesse avere sempre più spazio in tv, perché è uno sport bellissimo e tutti quelli che lo guardano si appassionano. Ci sono sempre situazioni inaspettate e può cambiare tutto all’utimo secondo: è molto affascinante. Dedico la vittoria a tutta la squadra, agli allenatori, alla Federazione, al mio gruppo sportivo delle Fiamme Gialle, agli sponsor, ai tifosi e alla famiglia”.