Seguici su

Cerca nel sito

Sbanda con la moto e si “riprende” per miracolo, disavventura per Pasqualino il barbiere della darsena

Russo Dì'Auria: "Sotto accusa il rifacimento del manto stradale dopo i lavori effettuati per il nuovo asilo in via Coni Zugna all'Isola Sacra".

Più informazioni su

Fiumicino – “Pasqualino, il barbiere della darsena, ha rischiato di morire per colpa dell’asfalto ripristinato male. E come lui ogni giorno decide di motociclisti rischiano grosso. E’ una situazione che denunciamo a gran voce, e che rischia seriamente di rovinare l’ottimo lavoro svolto dal Comune nella gestione della viabilità”. La notizia la danno Mario Russo D’Auria e Mauro Dominici di Gil (Gruppo indipendente libero per Fiumicino).

manto stradale dissestato

“E’ un fatto increscioso quello accaduto la scorsa settimana – proseguono –  perché se Pasqualino non fosse riuscito a riprendere il controllo del mezzo staremmo parlando di un incidente grave, cercando responsabilità, mettendo in mezzo avvocati e magistrati. Di contro è un peccato dover denunciare queste cose quando, in verità, l’Amministrazione ha fatto molte cose buone per le strade cittadine, che sono decisamente migliori di quelle della limitrofa Ostia o di Roma in genere.

manto stradale dissestato

Ma proprio per questo la cosa non deve essere sottovalutata. Ci poteva scappare il morto, e ancora oggi i lavori di ripristino del manti stradale davanti alla nuova scuola di via Coni Zugna gridano vendetta. E’ molto pericoloso, non solo per i centauri, ma per il fatto che parliamo di un tratto davanti alle scuole, dove passano bambini e  genitori in continuazione.

Evidentemente nessuno ha controllato come è stato ripristinato il manto stradale: avvallamenti, buche, asfalto sconnesso: un disastro.

Questo del controllo dei lavori post cantiere – concludono Russo D’Auria e Dominici – è un problema che riscontriamo un po’ in tutto il territorio. L’invito dunque è a fare attenzione a come vengono realizzati i lavori dalle ditte incaricate che, ovviamente, non li fanno gratuitamente”.

(Il Faro online)

Più informazioni su