Seguici su

Cerca nel sito

Ostia, bagni chimici sulle spiagge libere: il ribasso è del 58 per cento

Per la terza estate consecutiva su sette spiagge libere saranno posizionati bagni chimici. Appalto assegnato alla Sebach che chiede meno della metà dei fondi

Ostia – Anche per l’estate 2019 sulle spiagge libere i servizi igienici saranno assolti da bagni chimici. E a curarne la pulizia sarà la ditta Sebach, vincitrice della gara d’appalto con un ribasso d’asta del 57,77%.

E’ quanto disposto dalla commissione di valutazione del X Municipio tenutasi il 22 marzo scorso presso l’Ufficio tecnico nell’ex colonia Vittorio Emanuele III. La gara d’appalto riguarda il posizionamento di sette blocchi di bagni chimici su altrettante spiagge libere. Non è noto al momento il dettaglio della loro dislocazione. In ogni caso ciascun blocco ospiterà una toilette per uomini, una per donne e una per i disabili.

La base d’asta della gara d’appalto è di 172.131 euro e la procedura è quella della lettera d’invito nel senso che l’amministrazione ha ritenuto di fare prima invitando direttamente le ditte che si occupano di questo genere di servizi. Hanno risposto Toi Toi Italia, Sebach Unipersonale e Initiative 2000. La Toi Toi si è ritirata dopo che la commissione ha rilevato la mancata compilazione del Patto d’integrità.

La valutazione delle offerte economiche tra le due aziende rimaste in gara ha premiato la Sebach che ha effettuato un ribasso stratosferico: l’azienda si impegna a svolgere il servizio per tutta la stagione ad un prezzo ribassato del 57,77 per cento rispetto alla somma messa a disposizione dall’amministrazione, pari a poco meno di 73mila euro.

Quella 2019 sarà la terza stagione balneare con i bagni chimici posizionati sulle spiagge libere, anche in quelle dove i bagni sono fisicamente presenti come piazza Scipione l’Africano, l’ex Spiaggetta di piazza Sirio e l’ex Amanusa di lungomare Vespucci. Resta indefinito il destino dell’ex Arca-Oda di piazzale Amerigo Vespucci, arenile attrezzato abitato da extracomunitari.