Seguici su

Cerca nel sito

L’Olimpus prima in classifica, ad un passo dalla C2 foto

Appaiata in cima con Generazione Calcetto, la squadra di Parco Leonardo si giocherà una fetta cospicua della stagione venerdì prossimo proprio con il team romano. Meno 3 giornate dalla fine

Il Faro on line – Ad un passo, solo ad un passo. La Serie C2 è là. C’è ancora una partita da giocare. Quella più importante del campionato. Quella della vita. Come fosse una finale mondiale.

Dona queste emozioni lo sport. Le trascina nei campetti di periferia e poi le semina nei cuori di chi guarda. Il calcio è la metafora della vita. Lo hanno detto gli scrittori e i letterati di tutte le epoche. Da quando il calcio è nato. Lo hanno sottolineato i giornalisti sportivi. Vladimiro Caminiti, Darwin Pastorin. Anche Eduardo Galeano.

E forse è vero. Lottare per una meta, equivale a vivere la vita. Ai bordi di quel campo che tanto si ammira. Allora ecco perché poi la gente si avvicina. E ha bisogno di sapere che niente è impossibile. C’è una squadra che sta combattendo per un sogno, a Fiumicino. In un’avventura stagionale cominciata in sordina e senza grandi pretese. Un progetto nato dalla passione di un gruppo di persone, tra le quali i presidenti Berardo. Che hanno esteso il sogno e hanno invitato a partecipare. Giocatori e allenatori.

Pian piano l’Olimpus Parco Leonardo ha macinato punti e coraggio. E non molla. Vittorie su vittorie in campionato. 15 gioie su 4 sconfitte subite. Sono servite anche quelle a creare quell’emozione lì. Adesso sta a pari punti con la prima del torneo. In cima. In vetta al Girone E. 45 punti. Gli ultimi tre sono arrivati ieri sera in trasferta. Con il Real Mattei, sono stati 10 i gol segnati. E il risultato di 2 a 10 ha segnato un solco.

Ha ribadito la volontà di cogliere la promozione in Serie C2. Da brividi. E la prossima partita si svolgerà proprio contro la prima della classe. Generazione Calcetto. Appaiate tutte e due allora. Prime. E la sfida di venerdì prossimo e in casa, allo Sporting Fiumicino, richiama le folle. Di quelle storiche. Perché unica è l’occasione. Unica diventa l’avventura odierna.

Unico il sogno. Palla al centro, allora.