Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Roma, i regali della Formula E alla sindaca Raggi

Il 13 aprile torna la gara di bolidi elettrici sulle strade della Capitale, dove sono attesi 35mila spettatori. Manutenzione del verde e nuove telecamere i "doni" degli sponsor all'amministrazione pentastellata

Roma – Per il secondo anno i bolidi elettrici sfrecceranno sulle strade di Roma in quello che è il circuito cittadino più green di sempre. Un tracciato di 2,86 chilometri con 21 curve che toccherà i monumenti principali dell’Eur, dal Colosseo Quadrato al Palazzo dei Congressi, passando per la Nuvola di Fuksas e l’obelisco.

Ecco il Rome E-Prix 2019, evento di rilievo internazionale presentato questa mattina in Capidoglio. Sotto lo sguardo della statua bronzea di Marco Aurelio, la sindaca di Roma, Virginia Raggi, e Alejandro Agag, fondatore e presidente della Formula E, hanno raccontato ai tanti giornalisti presenti le tante novità che caratterizzeranno la corsa in programma sabato 13 aprile.

Presenti, tra gli altri, l’Assessore allo Sport, Politiche Giovanili e Grandi eventi, Daniele Frongia, l’Assessora alla mobilità, Linda Meleo, e i vertici di Geox e Huawei, sponsor dell’E-Prix di Roma, che proprio all’Eur taglierà il traguardo della 52ma gara. Attesi circa 35mila spettatori, cinquemila in più rispetto a quelli dello scorso anno. A seguire l’evento in tv oltre 35 milioni di telespettatori in 90 paesi.

Un vero e proprio show quello in programma all’Eur che porta con sé diversi vantaggi per la Capitale, nonché alcune “regali” da parte degli sponsor e dell’organizzazione alla Giunta Raggi: la manutenzione del verde nell’intero quartiere, infatti, sarà operata dalla Fia. Huawei, sponsor del circuito cittadino, invece, donerà telecamere intelligenti di ultima generazione, aumentando così i livelli di sicurezza, non solo all’Eur ma anche in altre zone di Roma.

infografica E-Prix 2019 - Rome E-Prix_page-0001 (1)Il campionato, iniziato a settembre 2014, comprende 11 team e 22 piloti e si propone come una piattaforma sportiva su cui testare e sviluppare tecnologie che contribuiscono a modellare le auto del futuro.

Anche grazie a questo carattere innovativo e rivoluzionario, alla Formula E hanno aderito i principali produttori automobilistici del mondo, tra cui Audi, Bmw, Jaguar e Nissan.

Ad eccezione di Città del Messico, Marrakesh e Berlino, le gare di Formula E si svolgono su circuiti stradali adattati nel cuore delle città. Questa stagione vede ogni E-Prix diventare una corsa a tempo, della durata di 45 minuti +1 giro.

Ciò significa che i fan possono assistere alla gara dall’inizio alla fine in appena un’ora. In questa stagione, i piloti seguiranno un format innovativo in ogni E-Prix, “L’Attack Mode“, un boost di potenza in più utilizzabile un numero di volte variabile di gara in gara, così da aumentarne l’imprevedibilità e il divertimento dei fan.

Raggi: “L’auto elettrica è il futuro di Roma”

“In un anno la ricerca scientifica ha fatto progressi e all’Eur non ci sarà nessun cambio di macchina”. Ad annunciare la prima novità del Rome E-Prix è proprio la sindaca Raggi, che aggiunge: “Fino allo scorso anno un’unica batteria non riusciva a mantenere il bolide per l’intera durata del circuito, ma grazie all’impegno dei ricercatori tra due settimane vedremo sfrecciare un’unica macchina tra le strade di Roma”.

La quinta stagione del Campionato Abb Fia di Formula E ha visto infatti il debutto della rivoluzionaria vettura di seconda generazione e l’arrivo di un campione del calibro di Felipe Massa.

La nuova monoposto Gen2, in particolare, vanta un sensibile aumento delle prestazioni che consente a team e piloti di completare l’intera durata di gara senza effettuare il pit-stop per il cambio vettura: una testimonianza dei progressi in corso nella tecnologia delle batterie e dei veicoli elettrici nell’arco di soli quattro anni.

Per la prima cittadina pentastellata, la mobilità elettrica è il futuro della Capitale: “Stiamo investendo perché in futuro le auto, i bus, i mezzi di trasporto privati e pubblici siano elettrici. Lo scorso anno, grazie alla Formula E, abbiamo aumentato il numero di colonnine elettriche per la ricarica delle auto. Da quest’anno puntiamo ad incentivare anche il car sharing elettrico“.

Formula E di Roma, una gara green

infografica E-Prix 2019 - Team, Piloti, Calendario_page-0001Fin dalla sua nascita, la Formula E si è dimostrata attenta all’ambiente  e al territorio in cui sfrecciano i suoi bolidi. Si potrebbe dire che è parte essenziale del suo Dna lasciare una traccia positiva in ognuna delle città protagonista delle corse, attraverso iniziative dedicate alla sensibilizzazione delle comunità sui temi fondamentali della sostenibilità e la cura degli spazi pubblici. Per Roma, sono in programma due ulteriori iniziative di “legacy”.

La prima, con ricaduta diretta sul quartiere Eur, prevede la potatura e messa in sicurezza delle alberature che insistono sui tratti commerciali di viale Europa. L’intervento consentirà da subito una fruizione in sicurezza della via oltre che garantire, per i mesi estivi, il non oscuramento derivante dai rami prospicienti gli esercizi commerciali.

L’ulteriore eredità per la città prevede la donazione a titolo gratuito di 15 decespugliatori da dare in dotazione al Ministero di Grazia e Giustizia, all’interno del programma di reinserimento sociale dei detenuti. Le macchine saranno utilizzate per la cura ordinaria e straordinaria del verde pubblico.

Dalla Formula E un aiuto alla sicurezza cittadina

Tra gli sponsor per l’E-Prix di Roma compare Huawei che, per l’occasione, mostrerà alcuni tra i suoi prodotti più innovativi spaziando dalla soluzioni per il mercato enterprise ai dispositivi consumer. Non solo.

Lungo il circuito e nell’intero quartiere dell’Eur saranno installate nuove telecamere di ultima generazione, le stesse già presenti al Colosseo.

Videocamere che nelle prossime settimane entreranno in funzione anche nel quartiere di San Lorenzo e a Piazza Vittorio. “Uno strumento in più per garantire sicurezza oltre che permettere verifiche a livello ambientale. Sempre più tecnologia perché Roma diventi sempre più una città smart“, ha commentato la Sindaca Raggi.

Le nuove telecamere intelligenti, che saranno in grado di seguire eventuali vandali o autori di reati, saranno direttamente collegate con le forze dell’ordine. Non solo, nel caso in cui nelle immagini comparisse una persona con precedenti, le forze dell’ordine saranno in grado di intervenire sul posto ancora con maggiore tempestività.

Rome E-Prix, una festa aperta a tutta la città

infografica E-Prix 2019 - Le Auto_page-0001Alla vigilia della corsa, tutti i cittadini potranno scendere in pista e sentirsi dei veri e propri piloti. Il 12 aprile, infatti, si potrà percorrere il circuito con il proprio mezzo a due, tre o quattro ruote, partecipando alla E-Parade.

Altra novità assoluta, oltre alle innumerevoli attività aperte ai cittadini, le dimostrazioni e partite di rugby, basket e hockey in carrozzina con tre delle squadre più importanti e il coinvolgimento di alcuni campioni romani dello sport paralimpico.

Verrà allestita un’area con campi da gioco grazie alla collaborazione con Comitato Italiano Paralimpico e il Comitato Regionale Lazio C.I.P.

“Davvero quest’anno l’attenzione al mondo dello sport è a 360° e unire le occasioni di confronto delle realtà di atleti paralimpici e persone con disabilità a questi grandi eventi è un veicolo di sensibilizzazione e un vero e proprio volano di visibilità che contribuiscono ad alzare il livello di attenzione sul tema“, ha dichiarato il vicesindaco, Daniele Frongia.

Che ha aggiunto: “Vorrei soffermarmi anche su un’altra importante novità di quest’anno a cui tengo particolarmente. Grazie al progetto ‘Mi Riscatto per Roma‘, che prevede il reinserimento socio-lavorativo dei detenuti della Casa circondariale di Rebibbia, abbiamo avviato una fase di lavori di pulizia straordinaria proprio nelle aree verdi limitrofe al circuito di gara grazie all’intervento di una squadra di ben 20 detenuti”.

Uno straordinario contributo alla città, che gode del plauso non solo delle istituzioni ma dei cittadini stessi e che prosegue l’azione di intervento, già precedentemente avviata, di pulizia di parchi, strade e caditoie”, ha concluso il vicesindaco e assessore allo sport.

(Il Faro online)