Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Milan-Lazio, una partita che può valere la qualificazione in Champions League

Simone Inzaghi: "Tabù Milan? Penso che tutti i tabù debbano essere prima o poi sfatati"

Milano – Altra tappa importante questa sera sul sentiero che porta alla qualificazione alla Champions League della prossima stagione. A San Siro si gioca Milan-Lazio, una partita dalle tante sfaccettature, una su tutte quella di una gara da fuori o dentro per i Capitolini.

Vincendo la Lazio si porterebbe a pari punti con il Milan, con una partita da recuperare la prossima settimana contro l’Udinese. E’ vero che c’è sempre da considerare anche l’Atalanta che, di diritto, è in corsa insieme a tutte le altre che si stanno contendendo il quarto posto, per l’ambita qualificazione al massimo torneo europeo.

E se il Milan viene da una serie di partite negative, viste le tre sconfitte nelle quali spicca il Derby della Madonnina – su quattro gare disputate -, la Lazio ha fallito occasioni importanti, fuori casa, contro il Sassuolo e la Spal, dove ha raccolto solo un punto e rallentato la sua corsa al quarto posto, dopo aver dato l’impressione di essersi rimessa in carreggiata, vincendo con merito a San Siro contro l’Inter e all’Olimpico nel Derby della Capitale contro la Roma.

La partita contro il Milan diventa fondamentale per guardare con ottimismo al traguardo stagionale della qualificazione in Champions League. Anche un pareggio non è da scartare per entrambe le squadre, che rimarrebbero ancora in corsa. Ma la Roma e, soprattutto, l’Atalanta potrebbero approfittare di un turno “neutro” per i rossoneri e i biancocelesti.

Stando alle ultime partite viste di Milan e Lazio, è probabile che i Lombardi scendano in campo per contenere i laziali per poi ripartire verticalmente ed innescare la loro temibile punta, Piatek. La Lazio, dal suo canto, dovrebbe giocare con una formazione votata all’attacco, visto che dovrebbero giocare Immobile, Correa, Luis Alberto e in sostegno il centrocampista, con il pallino del gol, Milinkovic-Savic.

La partita inizierà alle 20.30, e le due compagini avranno già conosciuto l’esito di Roma-Udinese che si saranno già incontrate alle ore 18.00 allo Stadio Olimpico della Capitale.

Le dichiarazioni degli allenatori nel pre-partita

InzaghiSimone_4Inzaghi – “Tabù Milan? Penso che tutti i tabù debbano essere prima o poi sfatati. Non capita sempre di vincere con Inter o Juve e noi lo abbiamo fatto, speriamo domani possa essere sfatato anche questo tabù che dura da 29 anni. Un crocevia con il Milan che ritengo molto importante nel nostro cammino Champions. Dovremo fare una grande partita, voglio una squadra con la mente libera consapevole di essere forte e andare a San Siro con grande personalità. Tenendo ben presente le ultime due gare con Spal e Sassuolo, dove abbiamo raccolto solo un punto e invece avremmo meritato quattro punti. La designazione di Rocchi di oggi è una garanzia, sta arbitrando le partite migliori con grandissima qualità. Per l’importanza della partita di domani (oggi) non penso ci fosse di meglio”.

GattusoGattuso – “La Lazio somiglia molto alla Juve, riempiono l’area e hanno fisicità. Servirà cattiveria agonistica, forza e voglia ma provando a giocare a calcio nel miglior modo possibile. Vorrei vedere la stessa prova offerta con la Juve commettendo meno errori, credendo in ciò che facciamo e aiutandoci con mentalità e voglia. Dobbiamo vincere. Per dimostrare di essere fuori dal tunnel ma anche per la classifica.  Qualcuno ipotizza che vado via a Giugno. È assurdo, Maldini lo avete ascoltato. Io sono felice, ho 2 anni di contratto e il nostro obiettivo è tornare in Champions. Il resto sono chiacchiere da bar. Telefonata di Totti? Non lo sento da 5 mesi quando lo chiamai per il compleanno, sono un tesserato e non posso parlare con altre società. Al Milan devo tanto, sarebbe irrispettoso”.

Probabili Formazioni

Bandiera MilanMilan (4-3-3): Reina; Calabria, Musacchio, Romagnoli, Rodriguez; Kessiè, Bakayoko, Calhanoglu; Suso, Borini, Piatek.

 

 

SS LAZIOLazio (3-5-2): Strakosha; Acerbi, Bastos, Luiz Felipe; Leiva, Milinkovic-Savic, Luis Alberto, Romulo, Lulic, Correa, Immobile.

 

(Il Faro on line)