Seguici su

Cerca nel sito

Ladispoli, degrado e rifiuti nel fosso Vaccina e sul lungomare

Nei giorni scorsi un individuo è stato filmato da alcuni passanti mentre gettava contenitori nel corso d'acqua

Ladispoli – Un po’ l’indifferenza degli altri, un po’ il senso di inciviltà che attanaglia altri e il degrado è servito. È qyesta la situazione generale che attanaglia ormai da tempo la città balneare di Ladispoli. Nonostante le ripetute segnalazioni, anche social, da parte di diversi residenti indignati, la pratica di abbandonare rifiuti qua e là dove capita prima non tende a svanire.

Addirittura ora c’è chi lo fa in pieno giorno, come accaduto pochi giorni fa, proprio a ridosso della Pasqua. Un individuo ha iniziato a gettare nel fosso Vaccina contenitori, presumibilmente di plastica, come se nulla fosse. Ma al gesto dell’incivile va ad aggiungersi anche l’indifferenza dei passanti.

In alcune immagini, infatti, divulgate sui social, dove si vede chiaramente l’incivile gettare i propri rifiuti nel corso d’acqua, si intravede anche qualche passante che tira dritto senza soffermarsi a rimproverare il soggetto in questione per il gesto che stava compiendo. Indifferenza che va sicuramente a penalizzare chi ad oggi continua a rispettare le regole, smistando e conferendo correttamente i propri rifiuti.

E poi a rimetterci è anche il mare, dove l’acqua del fosso Vaccina va a finire. Da una parte dunque gli sforzi di stabilimenti balneari, amministratori locali di maggioranza e opposizione per dichiarare battaglia alla plastica monouso; dall’altra c’è invece chi la plastica la conferisce direttamente a mare.

Ma oltre ai corsi d’acqua, a rimetterci è anche la città. Ancora di mira il lungomare nella zona centrale. Sulla spiaggia continuano a farla da padrone bottiglie di alcolici e superalcolici gettate nella notte da chi la spiaggia e il lungomare lo usa per trascorrere le serate di “movida”.

Stessa sorte i marciapiedi e i muretti della zona, dove questa volta qualcuno ha ben pensato di abbandonare quelle fette di pizza che non voleva più mangiare. Scene di degrado che di certo non danno l’immagina della città che i cittadini e gli amministratori locali sognano di far vedere ai tanti turisti e villeggianti che a breve inizieranno ad affollare le spiagge e le vie del centro.

(Il Faro online)