Seguici su

Cerca nel sito

“Essere sindacati in Europa”, a Ventotene il seminario di UilTec

Pirani: "Noi crediamo nell'Europa e guardiamo ad un grande sindacato unitario"

Ventotene – L’organizzazione dei lavoratori dei settori tessile, chimico e dell’energia della Uil, guidata da Paolo Pirani, riunirà, martedì 14 maggio, il proprio Esecutivo nazionale nell’isola pontina, Ventotene, dove Altiero Spinelli, Eugenio Colorni, Ernesto Rossi e tanti altri, confinati dal regime fascista, scrissero il Manifesto europeo.

“Noi crediamo nell’Europa – ha ribadito il segretario generale della Uiltec Pirani che aprirà i lavori seminariali – e guardiamo ad un grande sindacato unitario. Dobbiamo ritrovare la fiducia nel futuro, trovando unità in Italia e collocando il Paese nel quadro dell’Unità europea cara ai padri fondatori del dopoguerra. Vogliamo continuare a percorrere quella strada di un continente coeso e solidale, quel virtuoso sentiero di pace su cui abbiamo camminato fino ad oggi”.

locandinaI lavori dell’Esecutivo sindacale si svolgeranno presso il Centro polivalente “Umberto Elia Terracini” ed interverranno, dopo i saluti del sindaco isolano Gerardo Santomauro: Luis Colunga, del sindacato iberico “Ugt-Fca” e vicesegretario generale del sindacato europeo “IndustriAll”; Armando Dente del sindacato tedesco “Igbce” e Ben Richards del sindacato del Regno Unito “Unite the Union”

A seguire, sono previsti gli interventi della senatrice Roberta Pinotti, componente della Commissione Esteri del Senato della Repubblica e di Pier Paolo Bombardieri, segretario generale aggiunto della Uil.

“L’Italia è sempre stata un Paese europeista – ha scritto la senatrice Pinotti su ‘Industri@moci’, il mensile della Uiltec nazionale – uno dei Paesi fondatori dell’Ue. Oggi il rischio di una deriva sovranista e nazionalista è fortissimo. Questo rischio non è astratto,non riguarda solo l’Europa ma ricadrebbe concretamente e drammaticamente anche sull’Italia. Non è soltanto una questione di valori del passato, e penso al manifesto di Ventotene, dove si svolgerà il prossimo 14 maggio il seminario europeo promosso dalla Uiltec nazionale e a cui porterò il mio contributo propositivo ed ideale. Europa è una questione di futuro“.

(Il Faro online)