Seguici su

Cerca nel sito

Campionato Nazionale KTI&DA a Lanciano: Fiumicino “StraVince”

Piovono medaglie per il Karate a Parco Leonardo; la Stratos brinda in casa i Campioni d’Italia della Federazione Karate Team Italia

Il 4 e 5 maggio 2019 al palazzetto dello Sport di Lanciano (Chieti), si è disputato il Campionato Nazionale KTI&DA con il patrocinio del comune abruzzese. Tantissime le palestre presenti con altrettanti atleti di ogni età. Seconda presenza per il team di Fiumicino alla competizione, la prima con i bambini. Gli atleti hanno gareggiato presentando due specialità di Karate: il Kata e il Kumite, il primo racchiude dei movimenti prestabiliti mentre il secondo è il vero e proprio combattimento con avversario.

“Questo è un campionato” – spiega Davide Capobianco (istruttore)– “che qualifica per essere “azzurrabile” per la nazionale italiana, con determinati punti per la palestra e dando al vincitore la possibilità di essere scelto dalla società federale per effettuare delle trasferte all’estero rappresentando l’Italia nel mondo”. Un ottimo trampolino di lancio sicuramente per gli atleti medagliati.

Giungendo alla giusta preparazione per affrontare un campionato nazionale e con un discreto bagaglio personale i ragazzi dei maestri istruttori Claudio Capobianco (Sensei) 6° DAN Karate e il figlio Davide Capobianco 3° DAN karate, hanno raggiunto uno strepitoso quanto inaspettato traguardo. Soprattutto gli emozionatissimi bambini i quali, nonostante i numerosi blocchi e pause durante l’anno hanno saputo regalare immense soddisfazioni partecipando per la prima volta in assoluto a questi livelli di gara.

K2

Queste le medaglie assegnate:

Angelo Velluto 1° classificato Campione Italiano Kata categoria Veterani, 43 anni cintura nera;

K3

Matteo Velluto 1° classificato Campione Italiano Kata categoria Pulcini, 5 anni, cintura gialla; primo su 12 atleti partecipanti;
Gabriele Carrai 3° classificato Kata categoria Junior, 18 anni, cintura nera;
Leonardo Iadeluca 3° classificato Kumite categoria Minicadetti, 13 anni, cintura gialla;
Miriam Cozza 3° classificata Kata categoria Ragazze, 9 anni, cintura gialla;
e poi, ad un soffio dal podio, anche se lo stesso premiati per l’impegno e il risultato, in un pool di 15 atleti per una difficilissima gara:
4° posto per Nicolò D’Ascenzo Kumite categoria bambini, cintura gialla;
5° posto per Valerio Bucalo Kumite categoria bambini, cintura gialla.
Le gare sono state arbitrate da tecnici altamente professionali, molto spesso di altre nazionalità per poter garantire la massima imparzialità.

K4

Il “Capobianco Team” si trova nella palestra di via Copenhagen, 3 in zona Pleiadi a Parco Leonardo, all’interno dell’Associazione Stratos sport&dance studio, già pluripremiata per l’Hip Hop e che ora si pregia della presenza di due campioni nazionali di Karate nella propria squadra.
Lo stile che viene seguito nel corso di karate è il Goju-ryu che è uno dei principali stili del karate di Okinawa e rappresenta una combinazione di tecniche “dure e morbide”. Gō, che vuol dire duro, si riferisce a tecniche di mano chiusa con attacchi lineari e diritti; Jū, che vuole dire morbido, assegna tecniche di mano aperta e movimenti circolari. Maggiore enfasi viene data alla respirazione corretta. Il Gōjū-ryū utilizza metodiche che includono la fortificazione e il condizionamento del corpo, approcci di base al combattimento e esercizi con partner.

K5

“Il Karate”- concude Capobianco- ”non da solo sicurezza fisica ma anche e soprattutto mentale ed è la cosa principale pensando che è aperto a tutti e soprattutto alle donne. Sarebbe auspicabile aprire un domani anche un corso di difesa personale rivolto proprio al mondo in rosa, insegnando non solo come divincolarsi e scappare da un malintenzionato ma anche a neutralizzare l’avversario con i giusti movimenti”.

(Il Faro online)