Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Christian Zicche: “Uno shock l’infortunio a Paltrinieri, monitorato, sta migliorando”

Dopo il problema al gomito, il campione olimpico dei 1500 ha riassaporato la piscina. Sta progressivamente migliorando. Nelle mani dello staff medico azzurro. Il Direttore di Swimbiz.it esprime il suo pensiero sulla vicenda

Il Faro on line – Un infortunio arrivato proprio là, inaspettato. Sul trionfo della 5 chilometri di fondo, in una competizione americana in cui Gregorio Paltrinieri ha dominato in modo assoluto, aggiudicandosi anche la gara del giorno prima sulla distanza dei 10, ecco un problema ad offuscare un cielo pieno di sole.

Una fastidiosa e dolorosa slogatura al gomito destro ha allarmato l’ambiente dell’Italnuoto azzurro. Ha avvertito dolore il campione olimpico dei 1500 stile libero ed ecco l’ostacolo. O il freno. O l’inceppamento. Oppure un brusco rallentamento. E sulla strada verso i Mondiali di luglio, come quella che, un po’ più in là, porterà a Tokyo 2020, un problema del genere non ci voleva.

Ma si è messa immediatamente in moto la macchina della Federnuoto. Con grande professionalità e competenza ha messo a disposizione di Paltrinieri i migliori specialisti. Lo dichiara Christian Zicche, che commenta per i lettori de Il Faro on line, il triste episodio accorso al gioiello del nuoto azzurro. Può vincere tutto Greg. Sia nei 1500 stile, che nel fondo della 10 chilometri. Un sogno per lui sarebbe. Come accadde al tunisino Melluoli. Vorrebbe eguagliarlo Paltrinieri. Ma senza ostacoli. E non si parla solo di avversari diretti.

Subito rientrato in Italia da Miami e subito monitorato dallo staff medico azzurro, l’atleta delle Fiamme Oro è ora in via di guarigione. Tornato in vasca al Centro Federale di Ostia per la riabilitazione e per non perdere la buona condizione atletica, riassaporando il suo clima ideale, Greg sta tuttavia guarendo. Uno spavento per tutti. Una minaccia per la carriera attuale di un campione che può strabiliare nel mondo delle acque. In piscina e non: “Abbiamo sentito il Dott. Bonifazi”. Il Direttore di Swimbiz.it, sempre attento ai fatti del mondo del nuoto, racconta dell’intervista del suo giornale acquatico al responsabile medico della Nazionale italiana: “Le sue parole ci hanno confortato”. Progressiva ripresa allora per Greg: “Si riprende cautamente. Non ci sono ulteriori complicazioni”. In questo modo Bonifazi ha commentato lo stato attuale di salute di Paltrinieri. Le sue prime bracciate in acqua, dopo lo shock dell’infortunio, hanno rasserenato l’ambiente: “Dopo tutto quello che è stato programmato si realizzerà. Mondiale e Olimpiade, sicuramente. Voglio essere ottimista”. Lo ammette Zicche.

Ed è di notizia e ancora da Swimbiz.it che Greg potrebbe tornare in America per unirsi al gruppo. E’ in svolgimento il collegiale oltreoceano per preparare i campioni azzurri ai prossimi impegni internazionali. Tutti i tifosi di Greg se lo augurano. La Federnuoto ha preso per mano uno dei suoi campioni più importanti e lo ha riportato in piscina. E’ il lieto fine di una storia, che sembra essere stata già scritta. Per Gabriele Detti, come per Manuel Bortuzzo. I gioielli azzurri hanno potuto riassaporare il sapore della piscina del nuoto. Ed è importante avere alle spalle una organizzazione che porti gli atleti ad essere curati, protetti e accompagnati.

Questo il senso delle parole di Zicche. Che descrive l’operato della Federazione in questo frangente storico negativo per Greg: “Sono in ottimissime mani, gli atleti azzurri. Tutti”. Lo sottolinea il Direttore di Swimbiz.it. E mentre si attende che Paltrinieri stupisca ancora in vasca e nelle acque libere, non si ferma la programmazione azzurra e Greg sembra rientrarci, a pieno. In bocca al lupo campione.

Di seguito le dichiarazioni di Christian Zicche, direttore di Swimbiz.it :

“E’ stato uno shock l’infortunio di Paltrinieri, inizialmente. Ritrovarlo, da campione assoluto, in tutte quelle programmazioni fatte rispetto al suo essere protagonista anche nella 10 km (ha vinto sia la 10 km e poi la 5 km ai Campionati Nazionali Americani) in una situazione di evidente dominio..e poi vederlo dolorante e infortunato, a causa di un problema fisico così importante, è stato uno spavento”. Su domanda de Il Faro, se eventualmente i piani azzurri per Tokyo possano cambiare in corsa, Zicche risponde: “Sul modificare i progetti azzurri destinazione Olimpiadi non penso, un piccolo spavento comunque l’ha fatto venire. Ma tutto prosegue, come è stato programmato. Ora sta molto meglio”. Ammette il Direttore, presentando lo stato di salute attuale di Greg.

“Personalmente sono fiducioso – ha proseguito Zicche – noi di Swimbiz.it abbiamo fatto un’intervista al Dott. Bonifazi, il responsabile azzurro dell’area medica e ci ha confortato. Penso che vada migliorando. Quello che è stato programmato si realizzerà. Mondiale e Olimpiade, sicuramente. Voglio essere ottimista. La Federnuoto è una gioiosa macchina da guerra, in positivo, ha un’organizzazione tale, anche dal punto di vista medico e di monitoraggio, che pochi hanno. Ha già messo a disposizione grandi specialisti. Continuano a monitorarlo costantemente. Paltrinieri e gli altri azzurri sono in ottimissime mani. Il segnale e la gestione medica del problema, che si è palesato in modo improvviso, fa capire quanto sia organizzata la Federnuoto. Tutto quello che essa oggi è, con i risultati continui, ormai nella normalità, a capo di uno sport tra i più medagliati e vincenti in Italia, negli ultimi anni, non è un caso. L’organizzazione medica la dice lunga, di più, tutto quanto il suo complessivo. Forza Paltrinieri e forza Italnuoto”.