Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Papa Francesco in volo verso la Romania

Nove discorsi, l'incontro con i rom e la beatificazione di sette vescovi: ecco la tre giorni di Papa Bergoglio in Romania

Città del Vaticano – Sono previsti anche un incontro con la comunità rom e la beatificazione di sette vescovi martiri del comunismo negli intensi tre giorni della visita di papa Francesco in Romania, in calendario da oggi a domenica 2 giugno.

Saranno nove i discorsi pronunciati dal Pontefice nel corso di questo nuovo viaggio alle periferie d’Europa, che segue quello in Bulgaria e nella Macedonia del Nord compiuto dal 5 al 7 maggio scorsi.

Un viaggio all’insegna dell’ecumenismo e dell’accoglienza, sulle orme del suo predecessore, Giovanni Paolo II, oggi Santo, che visitò il Paese nel 1999.

Il volo papale

Papa Francesco parte dall’aeroporto di Roma Fiumicino con il volo Alitalia (Az 4000) effettuato con Airbus A320 denominato “Aldo Palazzeschi”.

Ad accompagnare il Pontefice, un equipaggio composto da tre piloti e sei assistenti di volo. Il supervisore delle attività di bordo sarà il comandante Alberto Colautti, 15.000 ore di volo, capo dei piloti Airbus, 57 anni, friulano, ex elicotterista della Marina Militare, esperto in resilienza e processi cognitivi.

Insieme a lui il comandante Filippo Giacomelli – 14.000 ore di volo, 52 anni, fiorentino, tre figlie, appassionato di cucina del Giappone (dove ha vissuto un anno) – e il primo ufficiale Filippo Soriani, 15.000 ore di volo, 44 anni, ferrarese, due figli, nel tempo libero si dedica all’artigianato e in particolare alla tornitura d’arte su legno.

Dal 1964, in occasione del viaggio in Terra Santa di Paolo VI, Alitalia è la compagnia di riferimento della Santa Sede per i Viaggi Apostolici all’estero.

Il programma della visita

Oggi, venerdì 31 maggio, Francesco parte alle 8.10 da Roma-Fiumicino per Bucarest, nel cui aeroporto internazionale atterrerà alle 11.30 locali (le 10.30 in Italia). Dopo l’accoglienza ufficiale allo scalo aereo, la cerimonia di benvenuto vera e propria si svolgerà alle 12.05 all’ingresso del complesso del Palazzo presidenziale Cotroceni, cui seguiranno alle 12.20 la visita di cortesia al presidente della Repubblica Klaus Iohannis e alle 12.50 l’incontro col primo ministro Viorica Dancila.

Alle 13.00 locali (le 12.00 italiane) è previsto quindi l’incontro con le autorità, la società civile e il Corpo diplomatico, sempre nel Palazzo Cotroceni. A partire dalle 15.45, quindi, l’incontro con il patriarca ortodosso Daniele nel Palazzo del Patriarcato, l’incontro con il Sinodo permanente della Chiesa ortodossa rumena (16.15), la preghiera del Padre Nostro nella nuova Cattedrale ortodossa (17.00) e ma messa nella Cattedrale cattolica di San Giuseppe (18.10).

Sabato 1 giugno, il Papa partirà alle 9.30 locali (le 8.30 italiane) in aereo per Bacau, atterrandovi alle 10.10 e trasferendosi poi in elicottero allo stadio di Miercurea-Ciuc. Francesco celebrerà la messa alle 11.30 nel santuario cattolico di Sumuleu-Ciuc, molto caro anche agli ungheresi, trasferendosi poi alle 16.10 in elicottero a Iasi, per la visita alla Cattedrale di Santa Maria Regina (17.25) e l’incontro mariano con la gioventù e le famiglie nel piazzale antistante il Palazzo della Cultura (17.45). Alle 19.00 il volo di rientro a Bucarest.

Domenica 2 giugno, Francesco partirà alle 9.00 locali (le 8.00 italiane) in aereo per Sibiu, dove atterrerà alle 9.40 per trasferirsi poi in elicottero a Blaj. Qui, nel Campo della Libertà, è in programma alle 11.00 la divina liturgia con la beatificazione dei sette vescovi greco-cattolici martiri.

Alle 12.00 il Regina Coeli. Dopo il pranzo col seguito papale (13.25), sempre a Blaj, il resto del programma prevede alle 15.45 l’incontro con la comunità rom, alle 16.35 il trasferimento in auto allo Stadio Municipale per il ritorno in elicottero a Sibiu dal cui aeroporto, dopo la cerimonia di congedo dalla Romania (17.20), il Pontefice alle 17.30 locali partirà in aereo per Roma-Ciampino, dove l’arrivo è previsto alle 18.45.

(Il Faro online)