Seguici su

Cerca nel sito

Nuoto, alle Swim Series Detti trionfa nei 400: “Soddisfatto del mio lavoro”

Vince su tutti un Detti in grande spolvero. Ad Indianapolis ancora protagonista. Adesso ritorno in Italia e ripresa allenamenti

Il Faro on line – Seconda giornata ieri della terza e ultima tappa delle Swim Series, in programma a Indianapolis fino al 2 giugno.

Detti davanti a tutti. Il primatista italiano – tesserato per Esercito e In Sport Rane Rosse, seguito al Centro Federale di Ostia dal tecnico federale, nonché zio, Stefano Morini, bronzo olimpico e iridato e campione europeo – vince i 400 stile libero in 3’46”13 (1’52”47 ai 200). Alle spalle del 24enne livornese – oro iridato negli 800 – il lituano Danas Rapsys in 3’46”23 e l’ucraino Mykhailo Romanchuk in 3’49”92.

In questo modo, Detti descrive la sua avventura americana, sulla sua pagina ufficiale Facebook : “Dopo quasi un lunghissimo mese, ciao Flagstaff, ciao Indianapolis, ciao America! Finalmente torno in Italia, stanco e soddisfatto del lavoro e dei risultati delle gare! Siamo sulla strada giusta! Step by step!”.

Secondi Codia e Panziera. Il 30enne giuliano e campione europeo a Glasgow 2018 – tesserato per Esercito e CC Aniene, allenato da Alessandro D’Alessandro – è secondo nei 100 farfalla in 52”22. Davanti al primatista italiano, lo statunitense Michael Andrew in 51”87. La 23enne di Montebelluna – tesserata per Fiamme Oro e CC Aniene e allenata da Gianluca Belfiore – nei 100 dorso con un eccellente 59”45 che vale la seconda prestazione personale di sempre, a cinquantadue centesimi dal suo record italiano 58”92, siglato lo scorso aprile agli Assoluti di Riccione. Gara vinta dalla canadese e campionessa del mondo e bronzo olimpico Kylie Masse in 59”13.

Scozzoli terzo.  Il 30enne di Lugo – tesserato Esercito ed Imolanuoto, ventisei medaglie tra mondiali ed europei e seguito da Cesare Casella – nuota in 27”40 nei 50 rana, preceduto dai brasiliani Joao Gomes Junior – argento iridato a Budapest 2017 – primo in 26”60 e Felipe Lima che chiude in 26”72.

Fonte : federnuoto.it