Seguici su

Cerca nel sito

L’Italia sotto di un gol a Valencienne, in campo ora per il secondo tempo

Si è chiuso 1 a 0 il primo tempo. Rigore vincente per le avversarie. Una rete annullata per le Azzurre e un’occasione al 31’ per pareggiare. In corso, la ripresa

Il Faro on line – E’ un’Italia che sta soffrendo, quella che è appena rientrata negli spogliatoi. 1 a 0 per l’Australia a Valencienne, in questa partita d’esordio in Francia per le Azzurre. Dopo 20 anni la Nazionale femminile torna ad un Mondiale e dopo 45 minuti di gioco più due di recupero, l’Italdonne del pallone è sotto di risultato.

Stanno cercando di reagire le ragazze di Mister Bertolini, che avevano aperto con entusiasmo la gara. Spento dalla segnalazione di un fuorigioco. Eh si. Gol dell’Italia nei primi dieci minuti, ma l’arbitro non ha convalidato. Con il 4 – 3 – 3 in campo e con un attacco votato al gol, con Bonansea dietro alle punte, Mauri e Girelli davanti, l’Italia ci credeva e ci crede ancora.

Ma è stata l’Australia poi a fare la partita. Mentre le Azzurre erano là dietro, chiuse e soffocate  dal pressing avversario nella propria metà campo, le avversarie che sono al loro quarto Mondiale di fila, hanno preso il sopravvento. Ecco allora al 19’ il primo squillo di tromba, con pericolo : su corner un gol sfiorato, dove Raso non ne approfittava. Lasciava sfilare Giuliani sul fondo, controllando la traiettoria, ma con spavento. Ci riprovava poi l’Australia e su contatto con Gama (poi ammonita), Kerr trovava il gol su rigore al 22′. Respingeva Giuliani con forza e potenza, ma il pallone non trattenendolo finiva nei piedi della Matildas che sola e libera davanti alla porta metteva a segno la rete avversaria.

Si spengeva l’Italia, martoriata e ferita. E Carpenter, spina sul fianco per le Azzurre, s’inventava una veloce progressione sulla destra. Un assist pericoloso per la stessa Kerr che trovava il muro Gama in area. Al 25’ l’Italia era in riserva. Ma tratteneva l’attacco dell’Australia. Continuava Carpenter ad essere pericolosa sulla fascia, ma la difesa tricolore conteneva gli attacchi.

Ecco allora l’occasione per le Azzurre. Al 31’ Bonansea, molto cercata dalle sue compagne, puntava l’area di rigore dell’Australia e passava a Cernonia. Suo il passaggio filtrante per Girelli che metteva sul portiere avversario. Più tardi Galli passava per Mauro, ma l’azione si spengeva sul fondo. Ancora Carpenter creava un assist per Raso, ma l’estremo difensore azzurro parava.

Al 38’, Bonansea lanciava in porta sul portiere avversario. L’Italia era chiusa in area di rigore.

Sullo scadere del primo tempo, ancora insidiosa l’Australia. Usciva sicura Giuliani. Adesso il secondo tempo. Forza Azzurre.