Seguici su

Cerca nel sito

Fratelli d’Italia, “Stadio della Roma: Montino cerca solo visibilità”

"Assurdo pensare il Sindaco del nostro comune si sia posto come intermediario fra privati per la compravendita di terreni"

Fiumicino – “Sul caso dello stadio della Roma a Fiumicino, Montino cerca solo un po’ di visibilità sfruttando il grande risalto che questo argomento ha sulle radio e sui media romani”. Lo afferma Anselmo Tomaino, dirigente di Fratelli d’Italia.

“Capisco da tifoso l’atteggiamento della As Roma che non ne può più dei tentennamenti della Raggi – spiega Tomaino – , ma come si può realisticamente immaginare che una importantissima società privata rinunci ad un percorso ormai definito ( ricordo che siamo in presenza di una conferenza dei servizi chiusa con parere favorevole) dopo un iter durato dieci anni per ricominciarne uno nel nostro comune?

Anche a Fiumicino infatti – chiarisce Tomaino – andrebbero fatti tutti i passaggi ( progetti, pareri, sondaggi, varianti urbanistiche, acquisizione delle aree, ecc..) fatti dal Comune di Roma con l’aggravante che in questo caso non ci si dovrebbe confrontare con un unico proprietario delle aree ma con più titolari.

Ma è proprio su questo punto che restiamo basiti dall’atteggiamento del Sindaco: al Comune di Roma è stato il Privato (As Roma) a presentare una proposta con individuazione dell’area e a richiedere l’apertura della conferenza dei servizi, in questo caso, con un modo di procedere quanto mai anomalo, il Sindaco propone ad un Privato (As Roma) di realizzare uno stadio e delle attività commerciali su terreni di altri privati! Cosa dobbiamo pensare?

A questo punto speriamo (da cittadini e da tifosi) che questa proposta del sindaco Montino sia effettivamente solo l’ennesimo tentativo di acquisire facili consensi. Ci sembrerebbe assurdo e non possiamo credere che il Sindaco del nostro comune si è posto come intermediario fra privati per la compravendita di terreni”.