Seguici su

Cerca nel sito

Contratti di Fiume, Avenali: “Pubblicato il bando”

La Regione Lazio lancia la campagna #CdFLazioPlasticFree: è la prima in Italia

Più informazioni su

“Oggi è’ iniziata la fase 2.0 per i Contratti di Fiume della Regione Lazio. Abbiamo presentato una serie di strumenti a sostegno dei 19 processi di contratti di fiume, attivati e annunciati sul nostro territorio, per portarne quanti più possibile alla sottoscrizione finale del contratto”.

E’ quanto dichiara Cristiana Avenali, Responsabile Piccoli Comuni e Contratti di Fiume della Regione Lazio, che aggiunge: “E’ stato pubblicato sul Burl il bando attraverso il quale saranno assegnati i 300 mila euro finalizzati a progetti riguardanti percorsi avviati di contratti di fiume; attiviamo il Forum Regionale e il Tavolo Tecnico necessari a svolgere il coordinamento regionale per i diversi contratti e verificare la loro coerenza con le diverse pianificazioni, per individuare successive forme di finanziamento regionali, europee, per promuovere i Contratti di Fiume e per predisporre ed aggiornare l’Atlante degli obiettivi”.

“Come prima regione in Italia, lanciamo la ‘campagna #CdFLazioPlasticFree’, che sarà identificata con un apposito logo, al fine di eliminare i prodotti plastici utilizzati negli incontri, negli eventi e nell’intero processo dei Contratti di Fiume, Lago, Costa e Foce e di promuovere strategie di informazione e sensibilizzazione sul tema anche con l’inserimento nei programmi d’azione di misure, progetti ed azioni specifici”, prosegue Avenali.

“Attiviamo una pagina sul sito regionale dove mettere le informazioni normative e tecniche utili e promuovere e diffondere tutto quello che accadrà sul territorio e a livello regionale”, precisa la Responsabile.

Che conclude: “La partecipazione è tanta, le potenzialità anche, adesso ci sono gli strumenti per fare quel salto di qualità e rendere concreto questo strumento strategico per la tutela e valorizzazione dell’ambiente e dei nostri bacini idrici e per la costruzione di uno sviluppo sostenibile”.

(Il Faro online)

Più informazioni su