Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Civitavecchia: uccide la madre a coltellate dopo una lite

Raptus omicida di un giovane di 30 anni con problemi psichiatrici

Più informazioni su

Civitavecchia – E’ stata trovata riversa sul pavimento della tavernetta, nella sua villetta, in una pozza di sangue e con il corpo martoriato dalle ferite, causate da numerose coltellate che suo figlio le ha inferto.

Questo è il tragico epilogo di una madre di 55 anni e del raptus di suo figlio, 30 anni, al culmine di una furiose lite. Erano circa le 19.35 di ieri, 27 giugno 2019, quando il 113 ha ricevuto la chiamata da parte di un uomo che confessava di aver ucciso “una persona”, infatti a chiamare è stato proprio il figlio, che ha aspettato l’arrivo della polizia, prima cambiandosi i vestiti e poi “fumandosi una sigaretta“, come da lui riferito.

Immediatamente, sul posto, è arrivata una volante della Polizia Giudiziaria del commissariato di Civitavecchia, alla quale si è presentato il giovane – con problemi psichiatrici – seduto sulla gradinata d’ingresso della villetta che con innaturale “calma” e senza opporre resistenza, indicava il luogo in cui trovare sua madre.

Nelle immediate vicinanze veniva trovato un coltello da cucina di grosse dimensioni con la lama rotta in diversi tronconi, verosimilmente utilizzato per compiere il delitto. Sul posto veniva comunque fatto immediatamente intervenire personale del 118 che confermava il decesso.

L’uomo è stato arrestato  per omicidio e portato in Commissariato. Il Pubblico Ministero di turno presso la Procura della Repubblica di Civitavecchia,  Delio Spagnolo, che ha preso  la direzione delle indagini, ha disposto il sequestro dell’abitazione e del coltello, procedendo personalmente, nella notte, all’interrogatorio dell’arrestato. Al termine dell’interrogatorio, è stato portato nel carcereG. Passerini” di Civitavecchia a disposizione dell‘Autorità giudiziaria. Sono, comunque, in corso ulteriori indagini.

(Il Faro online)

Più informazioni su