Seguici su

Cerca nel sito

Le Rubriche di Il Faro Online - Scuola

Scuola, Bussetti: “Subito il decreto per assumere i supplenti della secondaria con oltre 36 mesi svolti”

In un’intervista al Corriere della Sera, Marco Bussetti dice che: “entro luglio, intendo proporre un decreto legge per dare attuazione all’accordo con i sindacati"

Scuola – Il Ministro dell’Istruzione Bussetti chiederà l’approvazione in Consiglio dei ministri di un decreto legge ad hoc per realizzare l’accordo raggiunto coi sindacati.

Il sindacato Anief chiede però di andare oltre a quanto pattuito a Palazzo Chigi a fine aprile: “per evitare che tra un mese le convocazioni per assegnare 58 mila immissioni in ruolo vadano deserte – spiega il presidente Anief, Marcello Pacifico – occorre riaprire le GaE a tutto il personale abilitato, oltre che consentire agli idonei e agli ex Fit la stabilizzazione in altre regioni, di confermare le assunzioni fatte con riserva e l’inserimento dei precari sempre avvenuto con riserva nelle ex graduatorie permanenti”.

LA POLITICA DEI RIPENSAMENTI

All’inizio del 2019 il titolare del Miur faceva sapere a tutti che da quel momento in poi l’unico canale per entrare in ruolo nella scuola sarebbe stato il concorsone pubblico e che era giunta al termine la stagione dei concorsi riservati e dei corsi abilitanti, perché rappresentavano solo “un salasso per i precari” che non portava a nulla; alla vigilia delle elezioni europee, spinto dalla necessità di scongiurare lo sciopero unitario della scuola in vista della tornata elettorale europea, assieme al premier Giuseppe Conte, ha espresso l’intenzione di aprire un canale diretto per assumere i precari con oltre 36 mesi; alcuni giorni fa, il ministro ha annunciato però che i tempi per l’avvio della procedura del secondo ciclo d’istruzione sarebbero stati più lunghi del previsto, assicurando l’avvio entro la fine dell’anno.

In queste ultime ore, invece, in un’intervista al Corriere della Sera, Marco Bussetti dice che “entro luglio, intendo proporre un decreto legge per dare attuazione all’accordo con i sindacati per il concorso straordinario per la Scuola secondaria, riservato ai precari con più di tre anni di anzianità”.

LA POSIZIONE ANIEF

Anief accoglie con soddisfazione il ripensamento del ministro dell’Istruzione: il sindacato autonomo, infatti, nelle ultime settimane ha chiesto con insistenza una soluzione d’urgenza, che vada incontro alle aspettative di chi ha svolto oltre 36 mesi di supplenze, in linea con il dettato europeo. È chiaro, tuttavia, che il concorso straordinario avviato con sollecitudine servirà a salvare, se procederà senza intoppi, solo una parte delle assunzioni del 2020: per evitare che ad agosto si ripeta lo scenario dello scorso anno, quando la maggior parte delle cattedre assegnate al ruolo andò persa e poi destinata ai supplenti, occorrono anche altre disposizioni.