Seguici su

Cerca nel sito

Le Rubriche di Il Faro Online - Salute & benessere

Riposare male porta a problemi di salute

Ecco come dormire bene

Più informazioni su

In estate dormire bene risulta difficile, per via del calore e dell’eccessiva umidità. In inverno il sonno può essere più disturbato perché si accumula maggiore stress durante il giorno, o a causa dell’aria secca del riscaldamento durante la notte. Le donne sembra che abbiano più problemi degli uomini in questo senso, anche se i disturbi del sonno colpiscono entrambi i sessi.

Probabilmente si sottovaluta il problema, ma anche solo una notte insonne influisce in modo negativo su tutte le attività quotidiane. Un buon sonno è infatti indispensabile per la salute mentale e fisica.

In Europa, secondo una ricerca di Barker e Stonehouse su 2.000 adulti, quasi nessuno riesce a riposarsi a sufficienza come consigliato dagli specialisti, con ripercussioni di vario tipo nella vita di tutti i giorni. Per questo è necessario trovare il modo di dormire bene, ma per farlo, non basta solo spegnere la TV o il cellulare, come molti consigliano.

Durante il giorno è necessario muoversi il più possibile, per esempio andando in palestra la mattina, scegliendo di fare le scale, andando a correre o camminando invece di usare l’autobus. In questo modo, si scarica l’energia in eccesso. Inoltre, è necessario passare del tempo all’aria aperta, visto che i raggi del sole servono a sintetizzare la vitamina D che è molto utile per dormire bene.

È inoltre importante evitare di dormire durante il giorno, visto che un pisolino di pochi minuti può compromettere una notte di sonno, ed evitare di passare del tempo senza dormire in camera da letto, che deve essere uno spazio dedicato solo a dormire.

Un aspetto spesso sottovalutato è il ruolo del cibo per dormire bene: è meglio consumare la maggior parte delle calorie durante la mattinata e la sera mangiare solo qualcosa di leggero e proteico, per esempio un petto di pollo alla piastra, delle noci o uno yogurt con semi di zucca e noci, che aiutano a produrre melatonina, l’ormone del sonno.

In quanto alle bevande, non bisogna consumare caffè nelle sei ore precedenti l’ora di andare a dormire, così come è meglio evitare gli alcolici e le bevande ricche di zuccheri. Esistono anche integratori di melatonina, utili quando la situazione è più seria, ma è meglio se li prescrive uno specialista, visto che sono comunque ormoni.

La camera da letto ideale deve essere scura, fresca e pulita, oltre che arredata in stile minimalista, in modo da evitare distrazioni e problemi di allergie. Secondo gli esperti una delle cose più importanti per riposare è la scelta del cuscino adeguato al proprio modo di dormire. Un errore in questo senso può compromettere non poco la qualità del sonno.

Il cotone e il lino sono i materiali più consigliati per la biancheria da letto e, per quanto riguarda il materasso, questo non deve essere né troppo morbido (visto che deve sostenere spalle e spina dorsale), ma nemmeno troppo rigido, per evitare non piacevole la sensazione di dormire su una tavola di legno.

Poco prima del momento di andare a dormire, ossia dopo cena, è importante trovare il modo di rilassarsi, magari leggendo un libro o meditando. Poi sì, è bene evitare gli schermi che emettono luce blu, quindi meglio stare lontani da cellulari, computer e anche TV. Per quanto sarebbe bene smettere definitivamente, prima di andare a letto bisognerebbe evitare di fumare. La nicotina è infatti uno stimolante, esattamente come caffeina e alcool.

Una volta a letto, è utile concentrarsi sulla propria respirazione, non controllare l’ora ogni 5 minuti e ricordare momenti felici della giornata, per evitare lo stress e l’ansia di non riuscire a dormire. Se d’estate il calore è insopportabile, si può comprare un ventilatore ed inumidire il letto con un nebulizzatore, per renderlo più fresco. In inverno, va bene usare il piumone e tutte le coperte necessarie per non avere, ma attenzione agli eccessi che possono provocare durante il sonno una sensazione spiacevole e provocare dei risvegli notturni.

Più informazioni su